GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

6 April 2010

Polizze e truffe, risarcimenti aumentati del 40%

Categoria: Assicurazioni — Tags: , , , — Riccardo @ 19:34

polizza-assicurativa-autoGli incidenti stradali per i quali il risarcimento è stato pagato non dall’effettivo responsabile ma dal Fondo di garanzia per le vittime della strada sono aumentati del 40% nel 2008 (ultimo anno per il quale ad oggi ci sono statistiche). A prima vista, è colpa soprattutto di chi circola senza assicurazione e dei pirati della strada. Ma pesano anche le frodi: il 36% dei sinistri causati da veicoli non assicurati e il 52% di quelli con colpevole non identificato accadono in Campania (soprattutto a Napoli e un po’ meno a Caserta) e spiccano anche alcune aree della Puglia. Insomma, le stesse zone che guidano la classifica delle truffe alle assicurazioni.
Le frodi potrebbero ulteriormente aumentare in futuro. Innanzitutto per la crisi economica, scoppiata proprio dalla fine del 2008. Poi per per l’entrata a regime dell’allargamento della copertura del Fondo ad altre fattispecie a rischio-truffa. Infine, a causa dell’inasprimento delle sanzioni per infrazioni stradali, in parte già attuato e in parte previsto dalle proposte di modifica al codice della strada: chi sa di andare incontro a conseguenze pesanti non di rado scappa. Ma tutto ciò non dovrebbe ricadere sulle spalle della collettività sotto forma di rincaro delle polizze Rc auto. Eventuali rincari dipendono dallo stato patrimoniale del Fondo, che viene alimentato principalmente dal contributo obbligatorio che tutti gli assicurati pagano sul costo della polizza. Dal 2003 il contributo è fermo al 2,5%, dopo un periodo in cui aveva toccato anche il 4%, importo massimo ammesso per legge. Rispetto al 2003, le uscite sono aumentate e infatti superano l’ammontare dei contributi, ma il Fondo acquisisce pure i proventi delle sanzioni comminate dall’Isvap in materia di Rc auto. Per il 2008 sono stati circa 40 milioni di euro. In generale, il gettito delle sanzioni è sufficiente a ripristinare l’equilibrio dei conti.
Nel lungo periodo, entreranno in gioco altri fattori. Per esempio, il gettito delle sanzioni potrebbe farsi incerto, se migliorasse il servizio offerto dalla compagnie. In ogni caso la Consap si attrezza: gli scarsi introiti dalle rivalse sui responsabili dei sinistri, quando noti: spesso risultano nullatenenti o quasi e resistono alle richieste di rimborso. Ma vogliono cambiare metodo, affidando le rivalse non più alle compagnie che gestiscono i sinistri per nostro conto, ma all’agenzia delle Entrate. Le normative recenti, infatti, consentono di far entrare i nostri crediti tra quelli di natura pubblicistica. Di fronte a una cartella esattoriale con rischio di ganasce fiscali sul veicolo o ipoteca sulla casa, alcuni possono convincersi a pagare.
Nemmeno le compagnie mostrano tanta preoccupazione: Nel 2008 le denunce di sinistro al Fondo sono calate del 5,4%, invertendo il trend degli ultimi anni. E l’aumento degli importi liquidati nel 2008 è dovuto anche al miglioramento della velocità di liquidazione (che le associazioni dei consumatori mettono in dubbio. Anche per le compagnie ci sono criticità da non sottovalutare: Da dicembre 2009 sono aumentati i massimali minimi dei risarcimenti, che si applicano pure alle prestazioni del Fondo. In ogni caso, la Consap ha tutti i dati per stimare il fabbisogno. Ma il problema maggiore sono le frodi: Nelle aree più a rischio (Campania soprattutto), il trend delle denunce non mostra cali. Occorrerebbe procedere con celerità nell’adottare le disposizioni che consentano l’incrocio tra i dati Ania sui veicoli assicurati e i dati Pra e/o Motorizzazione su quelli immatricolati. L’Ania già fa consultare alle forze dell’ordine l’archivio targhe assicurate, ma ci vuole un intervento organico per dettare modalità più spedite e sistemiche per il controllo dell’adempimento dell’obbligo assicurativo. È l’unica strada.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
24h Assistance Multisport, la polizza assicurativa per gli sportivi
La diffusione degli sport "ad alta adrenalina" come il downhill (percorsi in mountain bike in discesa da percorrere a velocità sostenutissima), il rafting ...continua
Polizza casa anticalamità, verso l'obbligatorietà?
I dissesti geologici, quali terremoti, alluvioni, frane e smottamenti, potrebbero ben presto essere protetti dall'avvento dell'obbligatorietà della stipula ...continua
Assicurazione casa CasaTua Affitto, la protezione essenziale per l'inquilino
Anche chi vive in affitto può aver bisogno di una polizza sull'abitazione: un rubinetto lasciato aperto, una padella dimenticata sul fioco, un vaso che ...continua
Polizza DupliCare BNL
BNL mette a disposizione una soluzione in più per aumentare la serenità della famiglia in caso di imprevisti: la polizza BNL Duplicare assicura a chi ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress