GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

19 January 2009

Banca d’Italia e il MIC

Categoria: Banche — Tags: , , , — viviana @ 23:08

Banca d’Italia ha attivato un nuovo segmento di mercato, il MIC (Mercato Interbancario Collateralizzato), in cui le banche potranno contrattare la vendita e l’acquisto dei fondi liquidi senza rischi, data la partecipazione e garanzia della Banca d’Italia e la richiesta che tutte le contrattazioni siano coperte da forme di garanzia. Le transazioni si perfezioneranno su scadenze minime di una settimana e potranno inoltre essere anonime. Quest’iniziativa è stata pensata per consentire agli operatori finanziari una maggiore flessibilità nel reperimento e nell’impiego dei capitali, in vista di una riduzione del costo del credito. Nonostante il MIC non riguardi di primo acchitto i consumatori, ci si aspetta che se l’iniziativa funziona non tarderanno le ripercussioni positive sul mercato del credito a privati; con una maggiore facilità di reperimento dei fondi garantiti sarà possibile per le banche prestare soldi più facilmente e a tassi inferiori e così allontanare lo spauracchio del credit crunch.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Bpm prevede un utile di 378 milioni nel 2012
La Banca Popolare di Milano punta a raggiungere un utile netto di 378 milioni di euro nel 2012, con una crescita annua composta della redditività del ...continua
Banchieri divisi sul rischio tassi
Sarà un anno a due velocità per il sistema bancario italiano appeso all'andamento dei tassi di interesse e alla politica monetaria della Banca centrale ...continua
Intesa SanPaolo getta la ciambella di salvataggio alle PMI
Il gruppo Intesa SanPaolo sta svolgendo un ruolo attivo per il sostegno delle piccole e medie impresa in difficoltà o che stanno nascendo. Un progetto ...continua
Un prestito anche per le fasce deboli?
Sul sito dell'Associazione bancaria italiana è online una guida di orientamento per le fasce sociali più colpite dalla crisi che necessitano di credito ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress