GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

12 October 2009

Da FIM Credit un innovativo servizio di analisi del credito

FIM CreditQuando si chiede un prestito, prerequisito fondamentale è non figurare nella Centrale Rischi della Banca d’Italia. Il più delle volte le imprese fanno riferimento alla Centrale Rischi della propria Banca senza sapere che è molto limitato, a differenza di quello della Banca d’Italia che comprende tutte le questioni creditizie del soggetto preso in esame. La FIM Credit eroga un nuovo servizio che prende in esame questi dati completi per avere a disposizione un fotografia creditizia realistica del soggetto.
Questo servizio erogato da FIM Credit comprende:
- riunione con i manager per capire insieme la situazione finanziaria esistente;
- analisi dell’ultimo bilancio depositato e richiesta alla Centrale Rischi di Banca d’Italia;
- analisi della risposta della Banca d’Italia.
Alla fine tutto viene riportato in un rapporto riepilogativo che spiega, analizza e propone soluzioni circa la situazione creditizia complessiva dell’azienda.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Bpm prevede un utile di 378 milioni nel 2012
La Banca Popolare di Milano punta a raggiungere un utile netto di 378 milioni di euro nel 2012, con una crescita annua composta della redditività del ...continua
Banchieri divisi sul rischio tassi
Sarà un anno a due velocità per il sistema bancario italiano appeso all'andamento dei tassi di interesse e alla politica monetaria della Banca centrale ...continua
Intesa SanPaolo getta la ciambella di salvataggio alle PMI
Il gruppo Intesa SanPaolo sta svolgendo un ruolo attivo per il sostegno delle piccole e medie impresa in difficoltà o che stanno nascendo. Un progetto ...continua
Un prestito anche per le fasce deboli?
Sul sito dell'Associazione bancaria italiana è online una guida di orientamento per le fasce sociali più colpite dalla crisi che necessitano di credito ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress