GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

13 October 2008

La CRIF

Categoria: Banche — Tags: , , — viviana @ 23:48
La CRIF è un’azienda che opera nel settore del credito e gestisce l’eurisc, la più grande centrale rischi sul credito italiana. Sono in molti a storcere il naso quando sentono questo nome perché grande è la paura di finire sulla lista nera delle banche e vedersi precluso l’accesso al credito. In realtà però la CRIF non è niente di tutto ciò e non può certo essere abbassata al rango di un semplice bollettino protesti. Tra i suoi iscritti infatti più del 95% sono affidabili e inappuntabili pagatori. Alla CRIF sono iscritte oltre 600 fra banche ed istituti di credito collegati telematicamente in modo da poter accedere ai dati per eseguire un controllo sull’affidabilità creditizia del cliente nel più breve tempo possibile. Le schede relative ai clienti non contengono dati particolari, ma si limitano a riportare nel dettaglio la storia creditizia del soggetto fino a quel momento. I finanziamenti registrati sono divisi in tre categorie: rateali (prestiti personali, mutui), non rateali (fidi su conto corrente) e carte di credito.

 


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Bpm prevede un utile di 378 milioni nel 2012
La Banca Popolare di Milano punta a raggiungere un utile netto di 378 milioni di euro nel 2012, con una crescita annua composta della redditività del ...continua
Banchieri divisi sul rischio tassi
Sarà un anno a due velocità per il sistema bancario italiano appeso all'andamento dei tassi di interesse e alla politica monetaria della Banca centrale ...continua
Intesa SanPaolo getta la ciambella di salvataggio alle PMI
Il gruppo Intesa SanPaolo sta svolgendo un ruolo attivo per il sostegno delle piccole e medie impresa in difficoltà o che stanno nascendo. Un progetto ...continua
Un prestito anche per le fasce deboli?
Sul sito dell'Associazione bancaria italiana è online una guida di orientamento per le fasce sociali più colpite dalla crisi che necessitano di credito ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress