GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

7 March 2010

Carte di credito, sempre più usate in Italia

Categoria: Carte di credito — Tags: , , , , , , — Riccardo @ 19:13

carte_di_creditoUn passo in avanti. Nel 2009 è cresciuto il numero di italiani che hanno utilizzato almeno una volta la moneta elettronica. In dettaglio, le carte di credito attive sono aumentate del 5% rispetto al 2008 raggiungendo quota 16,9 milioni. Passo in avanti anche per le carte di debito abilitate per i pagamenti con i terminali elettronici Pos (Point of sale), meglio note come bancomat, passate a quota 38 milioni (+3%). La crescita più consistente ha riguardato le prepagate, che hanno superato i 9 milioni (+10% annuo). La conferma arriva anche dai singoli operatori. Tra i circuiti, Visa Europe fa sapere che la diffusione delle carte Visa in Italia nel 2009 è cresciuta del 5,1% per un totale di 25,9 milioni. Il circuito MasterCard, che per le operazioni di debito opera con il brand Maestro, dichiara un totale di 41 milioni di carte al primo semestre 2009. CartaSì è a quota 7 milioni, mentre le carte Diners Club sono 300mila, ma l’intenzione è di perseguire un ambizioso piano di crescita dopo l’acquisizione nel 2008 di Diners Club Italia da parte della holding finanziaria indipendente Findale Enterprise.
Tuttavia, la distanza tra carte in circolazione e carte attive è ancora ampia. Le nuove stime di Banca d’Italia indicano che il 28% delle carte emesse dagli istituti finanziari non è stato mai utilizzato. Percentuale che sale al 59% se si limita il calcolo alle sole carte di credito. In sostanza, c’è ancora molta gente che, in fila al casello autostradale o nei negozi, preferisce pagare in contanti pur avendo in tasca una carta elettronica che velocizzerebbe l’operazione. E farebbe pure risparmiare.
La gestione del denaro contante costa circa 10 miliardi di euro l’anno al sistema paese. Non è un problema di offerta, né di infrastrutture tecnologiche. Basti pensare alle tecnologie per i micropagamenti
contactless, come l’Rfid e il microchip, e per i trasferimenti di denario via cellulare, che sono già disponibili da tempo. È un problema culturale. C’è ancora una sorta di diffidenza degli italiani a pagare con la moneta elettronica. Da questo punto di vista mi auguro che la nuova direttiva sui sistemi di pagamento (da oggi operativa in Italia, ndr ) e le sperimentazioni in corso per diffondere i micropagamenti con tecnologie
contactless potrebbero aiutarci a colmare il gap con la media europea. Anche se, temo, ci vorrà ancora del tempo.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Carta Nova di Findomestic, carta di credito revolving ad alta flessibilità
Il panorama delle carte di credito con fido iniziale e rimborso rateale (note come revolving) è estremamente ampio e tutti gli enti emettitori di queste ...continua
Carta Revolving Barclaycard Classic, costi minimi anche senza un conto in Barclays Bank
Il mercato delle carte di credito revolving cresce, nonostante la riduzione della spesa delle famiglie legata all'attuale condizione economica sfavorevole, ...continua
Postepay MoneyGram Rewards, la ricaricabile per inviare denaro all'estero
Postepay MoneyGram Rewards è una carta di credito prepagata e ricaricabile che fornisce un servizio aggiuntivo, il trasferimento denaro all'estero. In ...continua
UnicreditCard Gold, la carta di credito top di Unicredit Banca
Ogni linea di carte di credito culmina con la tipologia "Gold", e così avviene anche per le carte emesse da Unicredit Banca. Destinata ad utenti evoluti ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress