GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

29 April 2010

Investire in Borsa nel 2010, la situazione in Italia

Categoria: investimenti — Tags: , , , — Riccardo @ 11:05

consiglio-investimentoRestano alquanto incerte le prospettive della Borsa italiana per i prossimi 12 mesi, con possibilità di contenuti arretramenti e avanzamenti dell’indice generale sia nel breve periodo che nel medio-lungo termine. In particolare, gli operatori si attendono una prevalenza di spinte lievemente ribassiste nei prossimi trenta giorni, probabilmente come “correzione tecnica” al forte balzo messo a segno dall’indice Ftse All-Share negli ultimi due mesi (+12,7% dal 25 febbraio scorso). Successivamente, l’opinione di consenso prevede un ritorno del mercato alla graduale risalita, coerentemente con aspettative di costante miglioramento degli utili aziendali.
Non rientrano nelle previsioni, tuttavia, impennate dell’indice generale superiori al 10%, nemmeno nel lungo periodo. Per altro verso, non sono da escludere eventuali sorprese negative, soprattutto nella seconda metà dell’anno, che possano dare luogo a una tendenza ribassista tale da riportare l’indice Ftse All-Share sui minimi dell’anno, toccati rispettivamente all’inizio e alla fine di febbraio.
A conferma dell’incertezza dello scenario generale, gli analisti si attendono un aumento della volatilità delle quotazioni in tutti i tre periodi considerati, con un possibile picco nei prossimi tre mesi, a indicazione del fatto che le prossime sei-dodici settimane dovrebbero essere decisive per capire se la stentata ripresa alimentata dai vigorosi aiuti governativi riesca a sostenersi autonomamente ovvero si afflosci sotto il peso di squilibri che gli intereventi pubblici, lungi dall’aver appianato, hanno ulteriormente acuito. Questo secondo, peggiore, scenario, pur non essendo condiviso dalla maggioranza degli analisti, raccoglie il consenso di una minoranza significativa, rappresentata da almeno un quarto dei rispondenti, segnalando così che non si tratta di un semplice eccesso di pessimismo da parte del più scettico degli operatori, ma di un’eventualità tutt’altro che remota.
Tra l’altro, a indiretta conferma che comunque un certo numero di sorprese negative è da mettere in conto nel prossimo futuro, sta il fatto che nemmeno il più ottimista degli analisti si attende che l’indice generale di Borsa possa portarsi stabilmente nel corso dei prossimi 12 mesi su livelli superiori del 10% rispetto agli attuali valori.
In tale quadro, non stupisce che gli operatori abbiano difficoltà a individuare con un certo grado di sicurezza i settori più promettenti e quelli destinati a rimanere indietro. Ciononostante, gli analisti sembrano nutrire una certa fiducia nei titoli tecnologici, che dovrebbero superare il mercato in tutti i tre periodi considerati. Buone, nel breve termine, anche le opportunità offerte dagli editoriali, mentre i petroliferi potrebbero rivelarsi una buona scelta in un’ottica di investimento annuale. Tessili e bancari restano titoli rischiosi ancora per tutto il prossimo trimestre, mentre sono costantemente da sottopesare i titoli finanziari di partecipazione.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Investimento immobiliare, puntare sul diverso - il loft
In fase di definizione della scelta dell'immobile da acquistare per il proprio investimento immobiliare troppo spesso si tende a rivolgersi al mercato ...continua
Formula chiara di investimento MNP
Arriva la nuova generazione di fondi comuni di investimento che mettono al sicuro il vostro capitale investito.
I Fondi Garantiti BNP Paribas.continua
Mercati allo sbando e i consumatori tornano alle polizze vita

Il settore Vita potrebbe toccare nuovi massimi storici. A fare la parte del leone sono ancora le polizze di ramo I, quelle tradizionali con rivalutazione ...continua
Come selezionare un consulente privato che ci aiuta a scegliere investimenti sicuri
Il fenomeno dell'insoddisfazione degli investitori privati nei confronti dei loro consulenti finanziari (addetti bancari, private banker, promotori finanziari) ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress