17 July 2009

E-commerce più caro dopo l’aumento dei prezzi delle raccomandate

Categoria: Risparmio — Tags: , — Roberto @ 12:12

Poste Italiane tira dritto nonostante le tante proteste che si sono scatenate dopo l’annuncio di un aumento delle tariffe di raccomandate e assicurate. Il nuovo adeguamento, fortemente penalizzante per i consumatori, porterà i prezzi delle raccomandate nazionali alle stelle, con aumenti in alcuni casi del 45%. Le raccomandate fino a 20 grammi passano da 2,80 a 3,30 euro; per i 30 grammi si passa dai 3,20 euro ai 4,40 e per un plico da 60 dai 3,25 euro precedenti si è passati ai 4,75 euro. Per l’estero al situazione è ancora più preoccupante dato che una raccomandata da 1 a 2 chilogrammi diretta in Australia ci costerà 34 euro contro i 24,50 del mese scorso. Idem per i pacchi destinazione Germania che con le stesse caratteristiche costeranno 19 euro invece di 12. Le proteste più vibranti sono arrivate dalla community dell’e-commerce; le transazioni di compravendita saranno infatti notevolmente penalizzate da questi rincari. Un vero peccato dato i forti risparmi possibili negli acuisti in rete che comunque, nonostante i rincari nelle spedizioni, rimarranno sempre fortemente competitivi rispetto al mercato classico.


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Investire sicuro: meglio i fondi o il fai da te?
Fare investimenti sicuri nelle banche oggi non è un mestiere facile. Il settore è sotto schiaffo da oltre tre anni. Certo, le modifiche sulle stime ...continua
Acconto, contratto e reclami: la mappa delle tutele
L'early booking conviene, ma attenzione alla prenotazione d'impulso: occorre tenere presenti regole e diritti, leggendo bene anche le condizioni riportate ...continua
Vacanze scontate se si prenota prima
Macché last minute. La formula magica per ottenere il massimo da un viaggio spendendo il minimo è l'antitesi della prenotazione dell'ultimo momento: ...continua
Ebay trascina l'e-commerce in Italia, tutti gli acquisti al risparmio
La crisi economica attanaglia le famiglie italiane? I consumi crollano e il risparmio non aumenta? Indubbiamente questi segnali sono legati ad una minor ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress