GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

12 October 2009

Come si fa a sapere se si è protestati?

Categoria: Banche — Tags: , , , , — Riccardo @ 18:04

protestatoMolti lettori ci chiedono come fare per effettuare un controllo sulla propria situazione creditizia, in particolare se il proprio nome risulta nel bollettino dei protesti. Spesso il dubbio è infondato, visto che un semplice ritardo nel pagamento di una rata o l’incasso di un assegno post-datato non causano il protesto del soggetto (benché in quest’ultimo caso la banca è tenuta a segnalare alle autorità un illecito). Inoltre gli istituti di credito sono tenuti a informare il soggetto, che ha tempo due mesi per rimediare e rientrare nelle grazie del sistema creditizio. Tuttavia, se proprio ci si vuole togliere il dubbio basterà recarsi presso la Camera di Commercio più vicina e, previo pagamento di una quota, fare una visura protesti; se il vostro nominativo risulta protestato avrete immediatamente la possibilità di conoscerne il motivo e porvi rimedio prima di interfacciarvi nuovamente con un istituto di credito.

18 March 2009

Le Camere di Commercio aumentano i soldi stanziati per le pmi

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , — Roberto @ 10:08

Da pù parti serpeggia il malcontento per le scarse concessioni di credito che stanno minando alla base il nostro tessuto economico con la crisi delle piccole e medie imprese. Tanto che la situazione ha portato la presidene di confindustria, Emma Marcegaglia, a chiedere “soldi veri” per finanziare le aziende a rischio chiusura. Da molte parti questi ripetuti appelli sono stati raccolti, e se qualche giorno fa abbiamo visto i fondi concessi dalla regione Toscana, ora vediamo quali agevolazioni hanno messo in piedi le Camere di Commercio che si sono recentemente attivate a favore delle medie e piccole imprese. Le misure sono volte a sostenere l’accesso al credito mediante una implementazione dell’attività di garanzia fornita dai Confidi, attività da sempre in essere che permette di rdurre il differenziale del costo del danaro esistente fra le imprese di differenti dimensioni e tra i diversi territori. Qust’anno ai 38 milioni si contributi già stanziati ne sono stati aggiunti 200 in via straordinaria; si stima che i prestiti straordinari delle Camere di Commercio consentiranno alle imprese di accedere a finanziamenti per 4 miliardi di euro. Ed è solo l’inizio, infatti si è dichiarato che altre misure sono allo studio per far fronte alla difficile situazione.

Powered by WordPress