GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

9 March 2010

Carte di credito e sicurezza, alcune novità

Categoria: Carte di credito — Tags: , , — Riccardo @ 14:59

pagamentoonlineAumenta la sicurezza delle carte di credito. È questo il quadro che emerge dall’analisi dei sistemi di sicurezza messi in campo dagli operatori per contrastare il fenomeno delle frodi nelle carte di pagamento. Viviamo rincorrendo ladri sempre più professionali e tecnologicamente preparati. Questo ha portato a un aumento dei sistemi di allerta, finalizzati sempre di più a prevenire gli attacchi.
Accade così che, quando viene violato un Pos e tre carte subiscono un furto, il sistema di sicurezza segnali il potenziale pericolo per tutte le carte transitate nello stesso apparecchio. In questo caso, dunque, gli istituti provvedono a bloccare le carte in modo preventivo, anche in assenza di operazioni fraudolente. Interruzioni del servizio che, però, sono il prezzo da pagare per una maggior sicurezza. Solo lo 0,05% del valore transato in Europa, infatti, è sospetto di frode. (more…)

19 March 2009

Finanziamenti a tasso zero con nuova CartaSì

Categoria: Carte di credito — Tags: , , — viviana @ 20:43

CartaSi celebra il centenario del Futurismo e regala ai clienti del circuito una nuova promozione. Valida fino al prossimo 15 aprile l’offerta permetterà ai sottoscrittori della nuova cartaSi di avere credito senza interessi per 45 giorni. La carta potrà essere richiesta direttamente online e gode della copertura dei servizi classici delle carte di credito più avanzate: quelli online e quelli informativi via SMS, quelli per la sicurezza antifrode per gli acquisti in Internet ed inoltre permette ai clienti di aderire al programma ‘ioSi’. Per avere la carta basterà compilare l’apposito form su internet in cui oltre ai dati anagrafici bisognerà indicare l’ABI ed il nome della banca presso la quale è attivo il conto corrente su cui verranno addebitate le spese. Le spese sono limitate, più basse delle normali carte di credito: solo 19 euro di quota annuale associativa che ci permettono di pagare a saldo o a rate mensili con l’apertura di un piccolo finanziamento. Data l’occasione il design delle carte richiamerò la corrente artistica italiana del primo novecento, rimandando simbolicamente alla fiducia nel progresso tecnologico tanto osannata dall’avanguardia di Marinetti.

17 March 2009

Agli italiani piace l’home banking ma meno i pagamenti internet con carta

Categoria: Banche — Tags: , — viviana @ 20:47

Come gli italiani vedono la diffusione dei sistemi di pagamento via internet? Capire come si orientano i consumatori è fondamentale per definire le future strategie di marketing delle banche. I dati raccolti da Online Wellbeing di F-Secure si centrano proprio su questo aspetto e fotografano una situazione che vede una diffusa fiducia per quanto riguarda l’home banking, mentre in tanti ancora credono che pagare con carta di credito su internet possa essere rischioso. I dati della ricerca sono tra i più affidabili, in quanto vengono raccolti ogni anno in otto paesi; quest’anno oltre all’Italia sono stati oggetto della ricerca Gran Bretagna, Francia, Germania, Stati Uniti, Canada, India e Hong Kong. Se il 50% degli intervistati sul totale del campione effettua operazioni di on line banking in tutta tranquillità, in Italia la percentuale aumenta leggermente ed arriva al53% in Italia. Per quanto riguarda la carta di credito invece ci troviamo di fronte a numeri che riflettono il timore della stragrande maggioranza degli utenti. Solo il 6% infatti si sente sicuro nell’acquisto on line; in Italia la percentuale sale al 7% ma resta comunque bassa.

10 March 2009

Canada: cresce l’allarme per le carte di credito

Categoria: Carte di credito — Tags: , , — Riccardo @ 16:28

La Toronto-Dominion Bank insieme ad altre banche canadesi stanno accusando un aumento delle perdite provenienti dalle carte di credito che vengono annullate dai clienti che non sono in grado di risarcire i pagamenti. Quattro delle più grandi banche hanno dovuto accantonare in media il 51% in più di moneta nel primo trimestre 2009 a causa delle perdite sulle carte e sembra che tali costi continueranno a crescere per tutto l’anno. Secondo la Moody’s investors Service, le perdite e i mancati pagamenti sono cresciuti con l’aumento della disoccupazione e dei falllimenti mobiliari; questo trend, inoltre, continuerà per tutto il 2009 anche se gli emittenti riducono i limiti di credito per invogliare i clienti. Sempre secondo Moody’s le perdite Canadesi nel terzo trimestre 2008 sono cresciute del 3,1% rispetto ai bilanci medi a differenza degli USA dove si è arrivati al 6,6%.
Per la Canadian Imperial, il più grande emittente, nel 2008 le carte di credito erano la seconda più grande fonte di guadagno; ora, il suo portafoglio carte continua a crescere ma ad un tasso molto più lento.
Gordon Nixon della Royal Bank, ha spiegato che il deterioramento nell’utilizzo della carta di credito avviene molto più velocemente e più drammaticamente di quella che si ha nei mutui perchè esse costituiscono prestiti non assicurati. Le norme sul prestito conservative hanno, inoltre, permesso alle banche Canadesi di evitare il peggio dovuto alle svalutazioni che hanno assalito le banche americane dopo il collasso del mercato dei subprime.

Powered by WordPress