GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

14 March 2009

Taglio dei tassi sui conti deposito/2: Conto Arancio

Categoria: Conti correnti — Tags: , , , , , — viviana @ 10:09

Proseguono i ribassi nei rendimenti dei conti deposito dopo il taglio dei tassi da parte della Banca Centrale Europea. Anche ING Direct, dopo Che Banca, fa sapere che apporterà un aggiustamento al rendimento lordo di Conto Arancio. Lontani i tempi del boom in cui Conto Arancio volava al 4% netto ora i correntisti dovranno accontentarsi di un esigio 2% lordo; un taglio di un ulteriore 0,50% dopo che negli scorsi mesi si era già scesi dal 3,00% al 2,50%. E questo nonostante ING Direct formalmente non abbia mai avuto una politica di ancoraggio esplicito ai tassi BCE, come invece fanno altre concorrenti di mercato come IWBank. La scelta al ribasso avrà decorrenza a partire dal 3 aprile. Ora sarà da vedere come si evolveranno gli equilibri di questo particolare settore che engli ultimi anni ha attirato molti piccoli e medi investitori e che rappresenta per le banche una comoda riserva di liquidità. Il 2% lordo non è una gran somma e probabilmente mlti che in passato avevano scelto Conto Arancio saranno disincentivati a lasciare il denaro fermo su un conto a bassa remunerazione per cercare altre soluzioni più redditizie o con strumenti analoghi di banche concorenti o cambiando radicalmente la scelta di investimento; staremo a vedere.

13 March 2009

Taglio dei tassi sui conti deposito/1: Che Banca

Come al solito, dopo la notizia dei tagli dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea arrivano le prime ripercussioni sul mercato italiano. I più colpiti, per la loro tipologia ibrida, sono i conti deposito, i cui redimenti scendono proporzionalmente alla discesa del costo del denaro. Sono soldi lasciati su un conto ad alta remunerazione di cui che per la rappresenta un bacino di liquidità e per il cliente un’ottima soluzione di guadagno poco impegnativo, in cui capitale e rendimento sono sicuri e il denaro depositato non è vincolato o lo è solo per brevi periodi. Si capisce quindi come di fronte a un’abbassamento del tasso di riferimento le banche, che guadagneranno meno sugi interessi dei soldi prestati, contestualmente abbassino anche i rendimenti dei soldi depositati. La prima ad adeguarsi al cambiamento è stata Che Banca, la banca retail del gruppo Mediobanca, che ha annunciato che dal oggi, 13 marzo, limerà i tassi applicati sul conto di deposito, dopo i numerosi tagli dei tassi da parte della BCE.
Questi i nuovi tassi adottati:
   
- Il tasso base (per i depositi non vincolati) passa da 3,30% a 2,60%;
- Il tasso per i depositi vincolati a 3 mesi passa da 3,60% a 3,10%;   
- Il tasso per i depositi vincolati a 6 mesi passa da 4,00% a 3,50%;
   
- Il tasso per i depositi vincolati a 12 mesi passa da 4,70% a 4,10%.

4 March 2009

Rendimax passa al 4%

Categoria: Conti correnti — Tags: , , , — viviana @ 13:38

Avevamo già dato notizia che Banca IFIS a gennaio, contestualemente all’annunco che i tassi sarebbero rimasti ancora invariati, aveva però annunciato future imminenti rettifiche al ribasso dei tassi di rendimento del suo conto deposito di punta “Rendimax”. Puntuale è arrivata la notizia di quanto ci aspettava e cioè che dal  1° aprile, gli interessi applicati scenderanno dal 4,75% al, 4,00% lordo, pari al 2,964% netto, con il calcolo della capitalizzazione trimestrale. Si resta comunque favorevolmente sorpresi dalla modesta entità del taglio soprattutto se paragonato ai concorrenti. Rispetto ai rendimenti offerti dagli altri conti deposito Rendimax continua a essere quello più conveniente e questo, in una situazione in cui il costo del denaro viene sistematicamente tagliato dalle banche centrali dell’are Euro, resta un fatto notevole. E’ probabile naturlamente che banca Ifis abbia scelto una strategia graduale di diminuzione del tasso e che a breve verranno fatti degli aggiustamenti che porteranno i rendimenti più vicini a quelli delle dirette concorrenti. Ma Banca IFIS a preservare la propria fetta di emrcato ci tiene e si vede dall’interessante offerta rivolta ai clienti operativi entro fine marzo che potranno goedere di una remunerazione al 4,75%, fino al 30 settembre 2009, se scelgono di “vincolare” il capitale fino alla scadenza.

24 February 2009

Conto Arancio passa dal 3,00% al 2,50%

Categoria: Banche — Tags: , , , , — Roberto @ 13:08

Contunua la discesa dei tassi interbancari e con essa l’inesorabile calo dei rendimenti dei conti deposito. Il mercato d’altronde è così, si guadagna da una parte e si perde dell’altra. Se a molti non farà piacere sapere che i propri risparmi non rendono poi tanto altri potranno godere dell’alleggerimento dei costi di mutui e prestiti. Tra le ultime notizie di abbassamento dei rendimenti c’è da registrare quella di Conto Arancio, che a decorrere dal 22 febbraio ha abbassato il tasso base dal 3,00% al 2,50% lordo (dal 2,190% al 1,825% netto). Niente di straordinario comunque, dato che questa è la sorte di un pò tutti i conti della stessa categoria. Anche Rendimax, quello che più a lungo a tenuto il colpo dell’abbassamento dei tassi interbancari ha annunciato cambiamenti a decorrere da marzo (vedi articolo precedente). Naturlamente chi in questo momento sta usufruendo di promozioni Conto Arancio precedentemente stipulate può stare tranquillo, perchè i tassi non subiranno alcuna modifica così come stabilito. Non c’è molto da fare insomma; il post-crisi non è un momento in cui è possibile guadagnare molto, se non con investimenti ingenti e spesso avventati. Quindi meglio mettersi l’anima in pace, aspettare tempi migliori e nel frattempo accontentarsi di rendimeti inferiori ma che ci lasciano la certezza del capitale inalterato.

23 February 2009

Mutuo Offset di IWBank

Categoria: Mutui — Tags: , , , , , — viviana @ 23:04

La nuova proposta di IWBank nel campo dei mutui si chiama Mutuo Offset. Rispetto alle tante offerte fotocopia che si sono susseguite negli ultimi tempi e che hanno portato al massimo a un più ampio margine di scelta nella gestione dei cambiamenti di tasso dovuti all’andamento del mercato, siamo di fronte a una proposta veramente innovativa. Questo particolare tipo di mutuo si contraddistingue per un piano di rimborso “variabile” e non predeterminato, in quanto tiene in considerazione la giacenza presente sul conto IW. Gli interessi sul mutuo richiesto verranno calcolati solo sulla differenza tra capitale prestato e saldo del conto corrente. Il tutto solo nel senso unico della convenienza del cliente; non ci saranno variazioni infatti in caso saldo del conto negativo; se invece il capitale residuo è inferiore al saldo del conto corrente gli interessi saranno pari a zero. Nonostante venga presa in considerazione per alleggerire il calcolo degli interessi la liquidità di conto non viene in alcun modo limitata né vincolata, ma resta a completa discrezionalità del cliente. La logica che soggiace è quella di considerare nel calcolo degli interessi su quello che la banca ci presta anche quello che noi prestiamo alla banca e quindi i soldi che lasciamo depositati sui conti. Naturalmente i soli conti che valgono sono “Conto IW” e “Conto Trader”; le somme depositate sui conti deposito, già abbondantemente remunerati, ne restano fuori.

10 February 2009

ContoConto, il conto deposito di Banca Carige

Categoria: Conti correnti — Tags: , , — viviana @ 20:05

I conti deposito rappresentano una fetta di mercato molto ambita dagli istituti di credito, che non mancano di prodigarsi con nuove offerte per rastrellare i risparmi anora in cerca di una collocazione. Anche Banca Carige ha lanciato sul mercato il suo nuovo conto deposito, e lo ha chiamato “ContoConto”. Nell’analisi della promozione non ci sono da rilevare particolari sorprese rispetto agli omologhi in circolazione: niente spese di apertura nè di mantenimento, nemmeno il bollo che resta a carico della banca. L’unica spesa in cui si può incorrere è quella della spedizione dell’estratto conto cartaceo, ma è possibile risparmirsela facilmente scegliendo la modalità online. Anche le operazioni si limitano ai bonifici in entrata e in uscita dal conto di appoggio. Il denaro una volta versato nel conto deposito non resta vincolato, e può essere ritirato in qualsiasi momento. Allettante il tasso promozionale, il 4,50% lordo con capitalizzazione semestrale che si trasforma in un 3,322% netto. Ma fate bene i vostri calcoli! Perchè terminato il periodo della promozione, dopo sei mesi dall’apertura, diventerà il 2% lordo (pari al 1,4673% netto). Niente di particolarmente conveniente insomma, ma un’offerta che rientra nella media generale.

18 January 2009

Ancora invariato Rendimax

Categoria: Banche — Tags: , , , , , — Roberto @ 21:51

Dopo aver dato la notizia del nuovo taglio di interessi da parte della Banca centrale europea viene spontaneo andare a vder come si comportano le banche in particolare pper quanto riguarda i tassi dei conti depositi. Ancora una volta Banca IFIS lascia invariato al 4,75% il tasso di interesse del suo conto di deposito Rendimax. Abbiamo già commentato sorpresi questa scelta in molte occasioni chiedendoci come fosse possibile per l’istituto di credito sostenerla economicamente e questa volta infatti nel comunicato stampa Banca IFIS ha annunciato che nel prossimo futuro assisteremo a delle diminuzioni dei rendimenti offerti. Il taglio dovrebbe avvenire a marzo e non sarà drastico anche se non è ancora stato detto a quanto ammonterà. Gli investitori che già hanno aperto Rendimax possono però stare tranquilli perchè contestualmente sarà attivata anche un’opzione di “vincolo” del capitale, che dovrebbe continuare ad offrire il 4,75% con la formula dell’anticipo degli interessi.

16 January 2009

Conto Arancio 2009

Categoria: Conti correnti — Tags: , , , — viviana @ 13:36

Il colosso Ing direct ha resistito bene all’ondata di crisi che ha sconvolto i mercati negli ultimi mesi e resta trai pochi istituti di credito che possono continuare a mantenere immutate le condizioni a vantaggio dei clienti sui soldi depositati e lo fa naturalmente attraverso Conto Arancio. Un conto deposito estremamente flessibile che ha conquistato negli ultimi anni anche i piccoli risparmiatori. Anche nel 2009 non si ribassano i tassi di interesse sulle somme depositate. La promozione del nuovo anno prevede infatti per chi  attiva un conto entro il 28 febbraio 2009 il 4,25% di interessi per 6 mesi. Le condizioni restano le stesse: nessun costo di gestione, le somme versate possono essere ritirate in qualsiasi momento e non ci sono limiti minimi di deposito ma sono ben accette anche somme esigue. In più Conto Arancio offre uno 0,50% se si “presenta” alla banca un nuovo cliente, il che permette di arrivare al ragguardevole tasso del 4,75% totale di interessi sui propri risparmi; il che, in questo momento, rappresenta un ottimo investimento per chi vuole mantenere il proprio denaro al sicuro e facilmente smobilitabile. Ulteriori informazioni si trovano sul sito della banca www.ingdirect.it/home.stm.

12 December 2008

Rendimax lascia invariato il conto di deposito

Categoria: Banche — Tags: , , , , , — viviana @ 14:03

Per la terza volta consecutiva Banca Ifis lascia a bocca aperta tutti gli addetti del settore, lasciando invariato il tasso di rendimento del suo conto deposito di punta, Rendimax. E questo dal primo taglio dei tassi sul costo del denaro effettuato dalla Banca Centrale Europea già dall’ottobre scorso per contrastare la crisi del credito in atto. Questa volta la sorpresa è ancora maggiore data l’entità del taglio che ha portato l’indice Bce dal precedente 3,25% all’attuale 2,50%. Se consideriamo il rapido adeguamento di alcune banche risulta ancora più degna di nota a scelta di Banca Ifis di mantenere il rendimento si Rendimax al 4,75%; parliamo di 225 punti base sopra il tasso europeo. Rendimax non solo è attualmente il più conveniente conto deposito sul mercato, ma comincia a esserlo con un grande scarto con i diretti interessati. Sui perché della scelta  è possibile ipotizzare che Banca Ifis, nuova al mercato del credito per privati data la passata scelta di operare solo con le aziende, voglia consolidare la propria presenza nel settore catturando grosse fette di capitali in fuga dai bassi rendimenti del momento.

9 December 2008

IWPower scende ancora dopo il taglio BCE

Categoria: Banche — Tags: , , , , , — Roberto @ 22:16

Ancora una notizia legata al maxi taglio dei tassi di interesse da parte della Bce, che come avevamo previsto si sarebbe ripercosso sul mercato sotto forme diverse e non sempre prevedibili. Sfortunatamente uno degli adeguamenti che arriva prima è quello di alcuni tassi di rendimento dei depositi bancari. Ancora una volta infatti IWBank ha immediatamente recepito il cambiamento portando il tasso di interesse su IWPower “a vista” al 2,50% contro il 3,25% precedente. Un ribasso consistente che interrogherà molti correntisti sull’opportunità o meno di lasciare i propri soldi investiti a queste condizioni. Conseguenza inevitabile e cercata dalle banche centrali, che rendendo meno appetibile la remunerazione dei depositi cercano di spingere i risparmiatori verso l’investimento, in modo da ridare fiato all’economia reale. (more…)

« Newer PostsOlder Posts »

Powered by WordPress