GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

5 October 2009

Come evitare le frodi del credito

truffa_sulle_carte_di_creditoSembra che in Italia e in Europa stiano aumentando i casi di frodi creditizie, soprattutto in termini di importi frodati. Il prestito finalizzato è quello più a rischio, in particolare nei settore auto/moto ed elettronica di consumo. Gli esercenti sono i primi ad utilizzare questa forma di truffa sul credito. Un’altra area di pericolo è rappresentata dalla cessione del quindo dello stipendio, in questo caso sono i datari di lavoro disonesti responsabili della frode.
Discorso a parte per le carte di credito: anche qui gli esercenti sono i primi accusato, insieme agli amici o parenti delle vittime. Ma nella fattispecie i consumatori hanno delle armi in più per difendersi: prima di tutto con l’avanzata del chip è sempre più difficile clonare una carta di credito; (more…)

21 January 2009

In Lombardia è allarme indebitamento

A lanciarlo è la Camera di commercio di Milano in seguito a un’elaborazione dati che ha dato risultati preoccupanti; in media ogni famiglia ha a suo carico circa 21 mila euro di debiti. Cresce quindi il livello di indebitamento dele famiglie italiane. Gli oggetti dei finanziamenti sono i soliti: mutui per la casa, prestiti per l’acquisto dell’automobile, di mobili, elettrodomestici o per spese riguardanti il tempo liberi, come viaggi ecc. Una cifra enorme che nel 2007 ha sfiorato il totale di 500 miliardi di euro. Ma a preoccupare è il trend di crescita del dato, rapido; tra il 2006 e il 2007 i prestiti per il credito al consumo sono aumentati del 15%, passando da 81 a 93 miliardi di euro, quelli per i mutui per la casa del 10%, saliti da 256 a 281 miliardi. E se andiamo indietro nel tempo a quando ancora c’era la lira, parliamo di prima del 2001, c’è veramente da impressionarsi; dal 2001  +153,4% per il credito al consumo e +123% per i mutui mentre dal 1997, cioè in soli dieci anni, il credito al consumo cresce del 911% e i mutui del 378%.

20 December 2008

Carte revolving, attenzione ai regali!

Con le feste natalizie arrivano anche le spese pazze. Decine e decine di regali da comprare, spesso anche di fretta senza stare troppo a pensare a quanto ci costa… e con una carta di credito ancora più semplice, una strisciata e via! Se poi questa carta è anche revolving non ci facciamo proprio nessuno scrupolo, tanto si paga rateizzato e non ce ne accorgiamo nemmeno. Per le sue caratteristiche la carta revolving è un vero e proprio prestito personale, ma visto che non dobbiamo ogni volta seguire un lungo e fastidioso iter perché la disponibilità sul conto si rinnova a ogni rientro mensile spesso non ci fermiamo a considerare attentamente il peso che gli interessi avranno sui nostri acquisti. Non è inusuale che gli interessi che ci vengono caricati sulle somme utilizzate siano del 17-20 per cento. Non poco, sicuramente più alti di quelli di un prestito personale. E se è pur vero che le rate esigue ci permettono di non far ricadere sul budget mensile questi costi, d’altra parte vedremo allungarsi il periodo di rientro totale del debito. E attenzione, perché per bilanciare benefici e costi del tasso di interesse, bisogna ridurre il più possibile il numero di rate. Questo è importante ricordarlo al momento della stipula, chiedendo una una carta che consente di variare l’importo del rimborso mensile fino ad arrivare anche al 100 per cento del saldo.

Powered by WordPress