GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

3 March 2009

JPMorgan: grandi profitti con i contratti derivati

Categoria: investimenti — Tags: , , — Riccardo @ 13:02

E’ ancora ufficiosa la notizia che la JPMorgan Chase & Co. sia riuscita a guadagnare 5 miliardi di dollari nell’anno peggiore  della storia di Wall Street, attraverso la vendita di prodotti derivati con reddito fisso scambiati sul mercato non regolamentato (over-the-counter,OTC). In effetti questa grande banca americana, che ha dichiarato un profitto di 5,6 miliardi nel 2008, non ha ancora resi noti i guadagni derivanti dall’insieme degli swaps sui tassi di interesse, delle obbligazioni “municipali” (emesse dallo stato, da una città o da altri governi locali) e dai derivati sui tassi di cambio. L’ufficio trading della JPMorgan, gestito da Matt Zames che ha lavorato al fondo speculativo LTCM (Long-Term Capital Management), ha potuto beneficiare del crollo della Lehman Brothers e dell’acquisizione della Bear Stearns. Quest’ultima, infatti, circa un anno fa, fu costretta a chiedere finanziamenti alla JPMorgan e alla Federal Reserve dopo il fallimento di due suoi fondi speculativi con investimenti in titoli legati ai mutui subprime. 

Ci sono molti segnali positivi che avvalorerebbero la notizia. Prima di tutto, risulta che la JPMorgan domini lo scambio OTC dei derivati fra tutte le istituzioni che attuano prestiti commerciali. In una conferenza tenuta lo scorso 26 Febbraio, inoltre, la JPMorgan ha informato gli investitori che la parcella dei propri clienti proveniente dai tassi di interesse e dai tassi di cambio è cresciuta del 60% dal 2007.

28 February 2009

Warrenn Buffett agli azionisti: i derivati sono pericolosi.

Categoria: investimenti — Tags: , , — Riccardo @ 19:22

La Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha comunicato la quinta caduta di profitto consecutiva dovuta alle perdite sugli investimenti in derivati legati al mercato dei titoli azionari. Bullett ha costruito la Berkshire in circa quarant’anni con dozzine di acquisizioni, acquistando aziende che producono caramelle, vendono gelato o affittano jets aziendali. L’azienda ha sempre ottenuto metà dei suoi profitti dalle operazioni assicurative  che secondo Buffett sono attrattive perchè offrono un modello di business simile ai contratti derivati per cui egli può investire i premi degli assicurati fino a quando si richiede il pagamento di un indennizzo. Le quote della Berkshire sono cadute del 44% l’anno scorso dal momento che i titoli delle maggiori società del gruppo sono calati e le perdite sui derivati sono aumentate. Buffett ha dichiarato nella lettera annuale che accompagna i risultati di fine anno inviata agli azionisti che la sua aspettativa, anche se non sicura, è quella di chiudere in pareggio.

Lo scorso Settembre i contratti derivati sono stati venduti a compratori anonimi per un totale di quasi 5 miliardi di dollari. Secondo gli accordi, la Berkshire pagherà solo se, in determinate date definite a partire dal 2019, quattro indici di mercato saranno al di sotto di un livello che è stato definito critico all’interno dei contratti.

Powered by WordPress