GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

23 March 2009

USA: il Tesoro annuncia il piano per acquisire i titoli tossici

Categoria: Banche — Tags: , , — Riccardo @ 17:40

L’amministrazione Obama ha comunicato il suo tanto atteso piano per rimuovere gli assets tossici dai libri contabili delle banche del paese con la speranza che ciò possa ravvivare il sistema finanziario americano senza far ricorso alla nazionalizzazione. Il piano mira al finanziamento attraverso l’acquisto di un trilione di dollari di titoli immmobiliari svalutati. La decisione di oggi è l’ultima di una serie di tentativi fatti dal governo per far terminare la peggior crisi finanziaria degli ultimi settant’anni; l’amministrazione Bush ha abbandonato una precedente proposta per comprare i titoli tossici lo scorso Novembre.
Potrebbero essere necessari dei mesi prima di capire se il progetto di Geither funzionerà, dal momento che i dirigenti devono ancora scegliere i managers e le banche devono impegnarsi a vendere i loro investimenti illiquidi.
L’annuncio di oggi fornisce i dettagli di una strategia iniziale presentata da Geithmer lo scorso mese che causò un crollo nei titoli poichè mancante di specificazioni in merito al suo funzionamento. Nel rapporto del Tesoro è specificato che il nuovo approccio è migliore di altre alternative che diano la speranza affinchè o le banche gradualmente eliminino gli assets tossici dai loro libri contabili o il governo acquisti direttamente gli assets. Secondo questo programma, la FED amplierà un’agevolazione esistente che provvede il finanziamento dei soggetti che acquistano sul mercato ABS (Asset-Backed Securities) in cui vi sono titoli il cui valore e i cui pagamenti sono legati a uno specifico gruppo di assets.

19 March 2009

USA: i tassi sui mutui a 30 anni scendono al 4.98%

Categoria: Mutui — Tags: , — Riccardo @ 16:57

In questa settimana, il tasso fisso medio americano sui mutui a 30 anni è sceso, dal momento che la Federal Reserve ha annunciato di voler raddoppiare gli acquisti del debito sui mutui proprio con l’obiettivo di abbassare i tassi e attirare gli acquirenti di case nel mercato. Freddie Mac, acquirente di mutui della Virginia, ha confermato che il tasso è arrivato al 4.98% dal 5.03% di una settimana fa. Ieri la FED ha annunciato il suo piano di comprare fino a 300 miliardi di dollari di bond emessi dal Tesoro e di aumentare gli acquisti delle obbligazioni legate ai mutui. La caduta dei prezzi dei beni immobili e dei titoli finanziari, il record di defaults nei prestiti per le case e la disoccupazione hanno decurtato la domanda americana sia per abitazioni nuove che per quelle esistenti.

Secondo il Dipartimento del Lavoro, il tasso di disoccupazione americano è cresciuto fino all’8.1% a Febbraio dal momento che i datori di lavoro hanno ridotto i libri paga di 651.000 unità. Le insolvenze per i mutui sono cresciute fino a 7.88% tra tutti i tipi di prestiti nel quarto trimestre 2008; i prestiti con preclusione del diritto ipotecario sono cresciuti fino al 3.3%.

9 March 2009

Dudley: il governo deve fornire alle banche il capitale necessario

Categoria: Banche — Tags: , , — Riccardo @ 14:53

Il Presidente della FED, William Dudley, ha dichiarato che il governo americano fornirà il capitale necessario ad assicurare l’autosufficienza delle maggiori banche che si sono rifiutate di diluire le quote dei loro azionisti. Egli ha aggiunto che il governo deve iniziare  una ricostruzione intensiva del sistema finanziario includendo, in cambio degli aiuti, delle regole per le banche che sono troppo grandi per fallire. La FED, il Tesoro e altri enti regolativi stanno iniziando i cosiddetti stress-tests sulle 19 più grandi banche americane per identificare di quanto capitale extra avranno bisogno dopo l’1,2 trilioni di dollari di perdite avute nel credito mondiale e con le svalutazioni. L’obiettivo nel fare queste valutazioni non è, infatti, quello di rilevare i vincitori e i perdenti ma di assicurare che il sistema bancario abbia sufficiente capitale per resistere a un ambiente molto ostile.

In questo momento i decisori politici hanno convenuto di non aumentare la quantità di obbligazioni del Tesoro a lungo-termine acquistate dalla banca centrale essendo questa un manovra poco efficiente.

23 February 2009

Le grandi banche decidono di acquistare gli Interest Rate Swaps

Categoria: Banche — Tags: , , — Riccardo @ 19:06

La JPMorgan, la Deutshe Bank e molte altre grandi banche hanno deciso di supportare l’ipotetica offerta della ICAP (uno dei più grandi broker mondiali) per la Lch Clearnet (società che si occupa dell’assunzione di rischio per le controparti coinvolte in uno scambio finanziario) che garantisce quasi la metà degli Interest Rate Swaps scambiati a Wall Street. Gli IRS sono contratti swaps in cui si scambiano interessi che vengono calcolati sullo stesso capitale nozionale. 

Tali banche si stanno, quindi, preparando ad acquisire il controllo di 458 trilioni di dollari di Irs sul mercato non regolamentato dei derivati più grande del mondo. Ciò sta avvenendo contemporaneamente al lavoro dei regolatori americani ed europei per ottenere maggiore trasparenza nei credit-default swaps (contratti in cui il compratore ha il diritto di vendere alla pari le obbligazioni della società contraente nel momento in cui si verifica l’insolvenza). (more…)

20 February 2009

La FED allarmata da un’ipotetica deflazione

Categoria: Banche — Tags: , , — Riccardo @ 18:42

Il prezzo della vita in America è cresciuto a Gennaio per la prima volta in sei mesi dal momento che il costo della benzina ha smesso di diminuire e i rivenditori hanno provato a dare una spinta attraverso incrementi legati all’entrata del nuovo anno.

Il Dipartimento del Lavoro ha presentato stamattina a Washington i dati che dimostrano come l’indice dei prezzi al consumo sia cresciuto dello 0.3%.

In realtà sembra che i prezzi continueranno a rimanere contenuti nei prossimi mesi sia perchè molte aziende stanno seguendo le politiche di sconto adottate da Wal-Mart e Macy’s e sia perchè l’economia sta attraversando una crisi definita come peggior recessione dal periodo post-guerra. La Federal Reserve, infatti, questa settimana ha dichiarato che alcuni dei suoi funzionari sono fortemente preoccupati per un crescente rischio di deflazione o, comunque, per un prolungato abbassamento dei prezzi che eroderebbe i profitti e danneggerebbe i soggetti prestatori.

Grande influenza sta anche avendo l’improvviso calo delle vendite della General Motors, Ford e Crysler che spingerebbe i prezzi dei veicoli a rimanere troppo bassi.

18 February 2009

Greenspan: le Banche americane hanno bisogno di più fondi

Categoria: Banche — Tags: , , , — Riccardo @ 12:42

In questi ultimi giorni, attraverso alcune interviste, il Governatore della FED Alan Greenspan ha ribadito il suo pessimismo in merito alle politiche che si stanno adottando per fronteggiare la grande crisi.

Proprio ieri il Presidente Obama ha approvato con una legge una serie di misure per ottenere dei tagli alla tassazione e per incrementare la spesa globale. Greenspan ha subito chiarito che l’ammontare di moneta reso disponibile da queste politiche non è sufficiente a fronteggiare il problema. Egli ha affermato che quello che si sta affrontando è un evento economico che si presenta una sola volta in un secolo.

Un primo problema riguarda le banche, i cui titoli si sono bloccati da quando le perdite provenienti dai prestiti sono aumentate vertiginosamente. Greenspan ha chiesto fondi aggiuntivi rispetto a quelli stanziati dal TARP (Troubled Asset Relief Program), il programma del governo americano per acquistare titoli dalle istituzioni finanziarie, per far sì che le banche si rassicurino del capitale che detengono e ricomincino a promuovere prestiti. (more…)

Powered by WordPress