GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

4 December 2009

Impresa Italia, l’agevolazione prestiti Unicredit per le micro imprese

unicredit1Unicredit Group ha ideato Impresa Italia perché da sempre crede nel valore delle piccole imprese e sostiene le attività e i progetti di quelle meritevoli, attraverso prestiti e finanziamenti agevolati.
Il progetto Impresa Italia, grazie alla collaborazione con le Associazioni di Categoria e con i Confidi, mette a disposizione 3 miliardi di euro destinati ai prestiti alle micro e piccole imprese, parte di un plafond di 7 miliardi di euro per il sostegno del tessuto imprenditoriale italiano. Questo plafond permette di non far mancare il credito all’economia mantenendo al tempo stesso attenzione alla qualità dei crediti accordati.
L’iniziativa riguarda sia la concessione di prestiti a breve termine per l’ottimizzazione della gestione del circolante aziendale, sia quelli a medio-lungo termine necessari per gli investimenti.

24 March 2009

Messico: la Gruma chiede finanziamenti a diverse banche

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , — Riccardo @ 12:09

La Gruma SAB, il più grande fornitore messicano di farina di grano per tortillas, ha informato che entro alcuni giorni potrebbe indebitarsi con quattro banche, tra cui la Barclays e la Royal Bank, dal momento che ha deciso di saldare le perdite avute con i titoli derivati sulla moneta. La Credit Suisse Group, la Deutsche Bank e la JPMorgan Chase presteranno alla Gruma 670 milioni di dollari per aiutarla a ripagare i prodotti derivati, il cui valore è precipitato dopo che il peso è crollato. Il livello di debito della compagnia, dopo la trattativa con queste banche, crescerà di due terzi per un totale di 1.68 miliardi di dollari ponendo delle restrizioni ai piani di crescita. Nonostante ciò, il direttore finanziario Pelaez ha confermato che le vendite nei primi tre mesi del 2009 stanno seguendo un andamento crescente, ad indicare che la crisi del credito e le perdite sui derivati non hanno bloccato le operazioni. Le compagnie messicane come la Gruma o la Cemex SBA, la più grande produttrice di cemento nel Nord America, hanno riportato più di 4 miliardi di dollari di perdite e passività dopo che il peso ha perso il 25% di valore contro il dollari nei sei mesi passati.

I nuovi prestiti avranno una durata di 7 anni e mezzo, con tassi di interesse uguali al Libor più un 2,875% nei primi tre anni di prestito.

22 March 2009

Nel 2008 factoring in crescita

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , , — Roberto @ 19:04

Il factoring continua a far parlare di se e a ritagliarsi uno spazio di tutto rispetto nel mercato finanziario. I dati resi noti da Assifact svelano una realtà in cui il factoring si è afformato come forma alternativa di finanziamento a costi che, secondo la Banca d’Italia, sono uguali o spesso inferiori rispetto ad altre alternatve tradizionali. A maggior ragione sorprendente dato il momento di crisi che ha coinvolto le banche e la quantità di credito concesso.  Al 31 dicembre 2008 il giro d’affari stimato degna un +6,34% rispetto all’anno precedente, l’ammontare dei crediti in essere un +11,24%, e gli anticipi erogati aumentano del 16,25%. Di questi quasi un terzo sono relativi alla Pubblica amministrazione. La solidità del settore è data da un’attenta valutazione dei crediti ceduti, sia per l’affidabilità del creditore che per quella del debitore. Alessandro Carretta, segretario generale Assifact commenta così: “Il ricorso al factoring  comporta per l’impresa una serie di benefici riguardanti la contabilità, la politica commerciale e quella finanziaria e l’organizzazione aziendale. La determinazione dei costi deve tenere conto, quindi, non solo degli oneri direttamente connessi all’operazione ma anche dei benefici che il factoring può apportare all’impresa quando usato in maniera corretta”.

9 October 2008

Prestiti a fondo perduto a rischio

Con la legge 488/92 il Ministero delle attività produttive aggiudica dei finanziamenti agevolati, con una parte a fondo perduto, per le aziende che operano in aree disagiate o depresse. Una delle tante leggi del nostro panorama legislativo di supporto alle nuove attività, molto importanti soprattutto in fase di start-up perché permettono di non far gravare sulla produzione i costi dell’avviamento iniziale. Una brutta notizia degli ultimi tempi è che sono a rischio le agevolazioni della legge 488/92 a causa del taglio dei fondi previsto dalla finanziaria di quest’anno, che ha ridotto da 7 a 3 gli anni previsti per il periodo di conservazione dei residui delle spese in conto capitale. Un grosso colpo per centinaia di imprese che operano nel Mezzogiorno che si vedranno sospese l’erogazione delle agevolazioni stanziate in bilancio entro il 31 dicembre 2004 ed anni precedenti, concesse ai progetti non confinanziati che avevano diritto a questi contributi. 78 imprese calabresi hanno lanciato l’allarme sperando che in finanziaria si possano trovare i fondi per a garantire questi finanziamenti a fondo perduto.

29 September 2008

Factoring e imprese, un approfondimento

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , — viviana @ 12:59

Oggi parliamo di factoring. Nato un po’ defilato nel settore del credito, negli ultimi anni è cresciuto esponenzialmente e si è affermato sul mercato diventando uno strumento finanziario molto utilizzato. Per chi non fosse ancora pratico ricordiamo che il factoring è un servizo offerto alle aziende che prevede un supporto gestionale per l’amministrazione, gestione e incasso dei crediti dell’azienda; ma la sua caratteristica più interessante è la possibilità di ottenere un anticipo sulla riscossione dei crediti. Un’azienda può insomma incassare l’importo dei crediti prima della scadenza, lasciando alla società di factoring  il lavoro di riscossione. Da una ricerca presentata recentemente da SDA-Bocconi e Assifact emerge che il factoring si afferma sempre di più nelle imprese, anche in quelle medio-piccole, come forma di finanziamento complementare – e non più alternativa – al credito bancario. Il factoring rappresenta inoltre una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali e, prima ancora, uno strumento per la gestione professionale dei crediti. In questo senso è considerato come un punto a favore dell’azienda, addirittura migliorandone il rating. L’Italia è tra i primi mercati a livello globale. Nel 2007 il volume d’affari è stato pari a 122,8 miliardi di euro. Il factoring italiano rappresenta circa l’11% dei finanziamenti bancari a breve termine.

Powered by WordPress