GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

20 April 2010

Investire sicuro: meglio i fondi o il fai da te?

fondiFare investimenti sicuri nelle banche oggi non è un mestiere facile. Il settore è sotto schiaffo da oltre tre anni. Certo, le modifiche sulle stime delle perdite legate alla crisi di liquidità potranno aiutare la ripresa. Ma il percorso sarà ancora lungo. Un’idea, la più ovvia per i retailer che non hanno la possibilità di un’analisi approfondita, è quella di comprare fondi che investono nel comparto dei finanziari (il più capitalizzato nelle Borse internazionali, oltre il 20%, e fortemente pesato dagli istituti di credito). (more…)

25 October 2008

ETF

ETF è l’acronimo di Exchange Traded Found. Questa forma di investimento garantisce un’estrema liquidità e una trasparenza continua di tutte le operazioni, alcuni dei motivi per cui risulta che i maggiori utilizzatori di questi strumenti finanziari sono gli investitori istituzionali. Nello specifico acquistando un ETF è come se si acquistasse un intero portafoglio azionario comprendente le azioni che compongono un determinato indice di riferimento. I primi ETF sono stati sviluppati dall’ Amex (American Stock Exchange) ed i più quotati riguardano proprio gli indici americani (Nasdaq 100-QQQ; Dow Jones-DIA; Standard&Poor500-SPY). Gli ETF sono trattati come le azioni perché a differenze dei fondi di investimento, il cui valore viene fissato solo una volta al giorno, sono oggetto di una trattazione continua. Gli ETF appartengono alla categoria dei fondi a gestione passiva perché devono solo acquistare e vendere le azioni che compongono l’indice di riferimento in modo che il fondo rispecchi sempre la composizione dell’ indice relativo. Secondo una ricerca pubblicata da Barclays Global Investors pare che gli ETF, dalla loro nascita nel 1993, abbiamo registrato un vero e proprio boom. In questo momento esistono 1.500 tipi di Etf che investono cifre per un totale di 764 miliardi di dollari, sono gestiti da 86 società emittenti e distribuiti su 43 mercati di tutto il mondo.

Powered by WordPress