GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

13 April 2010

UniCredit Mutuo Ristrutturazione

Categoria: Mutui — Tags: , , , — Andrea @ 16:48

unicredit1La ristrutturazione di un immobile è un impegno gravoso per le famiglie, con un dispendio consistente legato alle opere murarie, gli impianti, i serramenti, le pavimentazioni. Anche UniCredit propone un suo prodotto dedicato a questa tipologia di spesa / investimento.
Il mutuo può essere richiesto per un importo massimo pari all’80% del costo dei lavori, con il limite che esso non deve superare il 50% del valore complessivo dell’immobile su cui verranno eseguiti i lavori di ristrutturazione e ammodernamento. La cifra minima erogabile è di 30000 euro. (more…)

7 October 2009

Il prestito Tuttofare Casa di Antonveneta

tuttofareQuesto prestito proposta dalla Antonveneta Gruppomontepaschi va incontro alle esigenze di chi intende sostenere delle spese di ristrutturazione/ammodernamento, anche immobiliare, per la propria abitazione. Il massimale ottenibile è notevole, 60.000 €, ben al di sopra del solito prestito personale e si colloca tra quest’ultimo e un mutuo vero e proprio anche considerando il periodo di rimborso massimo (10 anni!).
Vista l’entita e la durata di questo sostanzioso prestito, la banca raccomanda la stipula di un’assicurazione che copre dai rischi di mancati guadagni futuri; cosi se a un certo punto si è nell’impossibilità di restituire il prestito, per motivi gravi e documentati, l’assicurazione copre il rischio. Trattandosi di un prestito per l’abitazione, inoltre, vengono offerti altri servizi assicurativi agevolati complementari relativi all’immobile (incendio, allagamenti, ecc) e ai lavori supplementari di emergenza necessari .
La stipula del contratto prevede la presentazione dei documenti attestanti il reddito, o in ogni caso una garanzia; se la casa è di proprietà ovviamente può essere presentata come garanzia, ma attenzione le banche non sono agenzie immobiliari e valutano bene se correre il rischio di accollarsi un immobile da rivendere!

11 October 2008

Mutui casa Deutsche Bank

La banca tedesca, dopo le novità sul fronte dei prestiti personali, rilancia anche sui mutui. Dopo le leggi sulla portabilità gratuita del mutuo presso altre banche che offrono condizioni più favorevoli, si è scatenata la concorrenza a caccia della liquidità tanto agognata in questo momento di incertezza. Il mutuo casa della Deutsche Bank (www.deutschebank.it) permette di finanziare fino al 100% dell’immobile che ci apprestiamo a comprare, e oltre che per l’acquisto può essere usato per la ristrutturazione e come dicevamo anche la sostituzione di un altro mutuo (anche ristrutturazione). Le altre caratteristiche positive del mutuo sono lo spread, che fino al 31 ottobre partirà dallo 0,95%; il piano di rimborso che può essere scelto tra le opzioni a tasso fisso, variabile, misto, oppure a rata fissa con durata variabile; la gratuità delle spese di istruttoria e soprattutto la rapidità della stessa, la banca infatti si impegna in 48 a valutare la fattibilità dell’operazione. Anche in questo caso è possibile richiedere il mutuo tramite internet; si verrà contattati in seguito da un consulente dell’Istituto di credito.

4 October 2008

Detrazione sulle ristrutturazioni edilizie

Notizia interessante per chi ha pensato di dare una nuova aria all’abitazione o anche a chi pur non avendoci pensato si ritrova comunque a dover far fronte a dei lavori. Che si decida di pagare in contanti o di accendere un mutuo per la ristrutturazione la buona novella è che è prevista una proroga per gli anni 2008, 2009 e 2010 delle agevolazioni fiscali per le spese sostenute per gli interventi sugli immobili di proprietà. L’aliquota della detrazione IRPEF resta quella del 36% per gli interventi di manutenzione straordinaria (o ordinaria per gli immobili condominiali), di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia. La detrazione è riferibile ad un tetto massimo di spesa pari a 48.000 euro e dovrà essere ripartita in dieci rate annuali di pari importo. L’agevolazione spetta anche per gli acquisti e le assegnazioni avvenute entro il 30 giugno 2011 riguardanti immobili facenti parte di fabbricati interamente ristrutturati da parte di imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare o da cooperative edilizie. In questo caso la detrazione del 36% verrà calcolata sul 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’immobile, sempre rispettando il tetto di 48.000 euro. E per finire è stata prorogata fino al 2010 l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 10% alle prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente.

Powered by WordPress