GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

29 December 2008

AXA Assicurazioni lancia il “Patto per i giovani”

Dedicato a chi ha tra i 18 e i 26 anni d’età il “Patto per i giovani è un decalogo stilato dalla compagnia assicurativa AXA dove si elencano le principali regole di condotta automobilistica comel’uso della cintura di sicurezza, il rispetto dei limiti di velocità, l’attenzione alla distanza di sicurezza, non fare uso di droghe e non bere alcolici prima di mettersi alla guida. Chi si impegna a rispettare questo codice dell’automobilista provetto sottoscrivendo il Patto potrà fruire di uno sconto del 35% sul premio della polizza Protezione Autogiov@ni. Ques’ultima è una polizza a consumo che grazie a un rilevatore satellitare applicato alla macchina riesce sempre a localizzare la vettura e registrare eventuali incidenti con un sensore di crash che si attiva automaticamente avvertendo la Centrale che può mettersi in comunicazione con il guidatore e mandare printamente i soccorsi se necessario. Questo anche grazie a un kit viva-voce che permette un collegamento costante con gli incaricati AXA. Ai giovani che sottoscrivono il “patto” verranno inoltre offerti tre test per l’alcolemia, in modo da poter valutare gli effetti dell’alcool sul proprio organismo.

19 October 2008

AXA Autometrica

Sempre nel settore assicurazioni a consumo o per dirla con il termine inglese payd (pay as you drive) vediamo ora l’offerta della compagnia assicurativa AXA (www.axa-italia.it). Autometrica è il nome della polizza che permette di pagare solo in relazione ai chilometri realmente percorsi fornendo al contempo una protezione completa ed efficace. Un dispositivo satellitare installato nella macchina, acquistabile ad un prezzo speciale direttamente presso l’agenzia AXA durante la sottoscrizione della polizza, permetterà alla compagnia di calcolare esattamente i Km percorsi e di proporre all’assicurato una tariffa personalizzata in base all’uso effettivo dell’auto. Grazie a questa moderna tecnologia, che permette di avere una connessione costante con i terminali AXA, e alla formula Full Optional si potranno attivare in tempo reale altri servizi direttamente dalla macchina. Un’ottima offerta per chi usa l’auto tutto l’anno ma senza percorrere lunghe distanze e vuole cambiare rispetto alle polizze classiche ma senza rinunciare a una guida sicura 24h su 24.    

15 October 2008

Sarafree Km e Sarafree day

Avevamo anticipato (vedi articoli correlati) che l’approfondimento sulle assicurazioni rc auto a consumo sarebbe proseguita analizzando le offerte disponibili in Italia. Una delle polizze appartenente alla tipologia payd (pay as you drive) è Sarafree della compagnia SARA Assicurazioni, nella doppia versione “day” o “Km”. Quest’ultima è impostata su una copertura calcolata sul numero di km percorsi in un anno e può essere molto conveniente per chi guida l’auto anche tutti i giorni ma solo per brevi tragitti. La formula prevede il pagamento alla stipula di solo il 30% di una polizza tradizionale calcolato su un numero base di Km; l’eventuale differenza verrà stabilita in base ai dati rilevati tramite un dispositivo satellitare installato nell’auto. Per chi invece usa l’auto per pochi giorni all’anno ma percorre lunghe distanze c’è Sarafree Day che permette di pagare solo rispetto ai giorni di effettivo utilizzo dell’auto. Si paga una cifra base di copertura annua e in seguito si aggiunge un costo giornaliero solo per i giorni in cui si usa il mezzo. Il risparmio con questa formula può arrivare fino al 50% rispetto al costo di una Rc Auto normale.

12 October 2008

Polizze a consumo Rc auto

Categoria: Assicurazioni — Tags: , , , — Roberto @ 09:39

Abbiamo visto dell’andamento nel resto d’Europa delle nuove formule assicurative legate all’effettivo utilizzo dell’auto. Anche qui in Italia si iniziano timidamente ad affacciare sul mercato le prime proposte, che si affiancano alle normali polizze nel parco offerte delle grandi compagnie assicurative. Il risparmio su questi tipi di polizze può essere alto, da un 30% in meno fino in alcuni casi ad arrivare al 50%. La nuova tariffa può essere proposta in due differenti modi. Uno legato all’utilizzo della macchina quantificato in chilometri e l’altra invece rispetto ai giorni di effettivo utilizzo. Sarà così possibile scegliere in base alle proprie esigenze. Gli esperti però consigliano la massima attenzione e in ogni caso di rivolgersi a un consulente prima di stipulare le polizze Rc a consumo, soprattutto quelle chilometriche. Se non valutiamo correttamente l’utilizzo dell’auto e percorriamo più dei Km per i quali abbiamo assicurato il mezzo rischiamo di dover pagare un’integrazione salata. Nei prossimi giorni analizzeremo nello specifico le offerte di Rc auto a consumo delle compagnie italiane.

1 October 2008

Il “Payd”

Categoria: Assicurazioni — Tags: , , , , — viviana @ 19:16

Che cos’è il Payd? Tra le nuove frontiere delle assicurazioni uno dei sentieri più battuti è sicuramente quello delle polizze personalizzate. Il payd è una formula che rientra a tutti gli effetti in questa categoria ed è stata negli ultimi anni, anche se non in Italia, oggetto di una sperimentazione che ha visto tanti spettatori interessati. Pay as you drive è un sistema di pagamento basato sull’effettivo utilizzo dell’auto calcolato sui Km percorsi, ed è stato per la prima volta lanciato in Gran Bretagna nell’ottobre 2006. Insomma un tentativo di superare la filosofia delle polizze annuali per adeguare i costi dell’assicurazione auto, ormai sempre più onerosi, a quanto realmente usiamo il nostro mezzo di trasporto. Purtroppo però pare che il mercato non sia ancora maturo. Notizia recente è quella che Norwich Union, controllata assicurativa danni di Aviva, ha annunciato che sospenderà temporaneamente la commercializzazione del Payd. I problemi sono legati sia alla sostenibilità economica, che evidentemente vede diminuire i guadagni della compagnia, che a quella tecnologica dato l’insufficiente sviluppo del mercato telematico. Ma senza perdersi d’animo Aviva ha deciso di cambiare zona e di affidare al suo ramo francese un primo test nella regione parigina a partire da quest’autunno. Noi restiamo in attesa…

Powered by WordPress