5 October 2009

Come evitare le frodi del credito

truffa_sulle_carte_di_creditoSembra che in Italia e in Europa stiano aumentando i casi di frodi creditizie, soprattutto in termini di importi frodati. Il prestito finalizzato è quello più a rischio, in particolare nei settore auto/moto ed elettronica di consumo. Gli esercenti sono i primi ad utilizzare questa forma di truffa sul credito. Un’altra area di pericolo è rappresentata dalla cessione del quindo dello stipendio, in questo caso sono i datari di lavoro disonesti responsabili della frode.
Discorso a parte per le carte di credito: anche qui gli esercenti sono i primi accusato, insieme agli amici o parenti delle vittime. Ma nella fattispecie i consumatori hanno delle armi in più per difendersi: prima di tutto con l’avanzata del chip è sempre più difficile clonare una carta di credito; (more…)

28 April 2009

Le carte di credito che ti rimborsano

Per superare l’allarmismo degli ultimi tempi sull’eccessivo costo delle carte di credito, sono state sperimentate nuove formule che permettono di alleggerire gli oneri annuali ricevendo indietro una percentuale delle somme spese durante l’anno con la carta di credito. In questo momento ne sono attive due: una è la carta di credito di Altroconsumo, riservata ai titolari dell’Associazione, l’altra la Blu American Express. Vediamo come funzionano. La prima, voluta dall’associazione ambientalista per un consumo sostenibile e responsabile, è stata attivata in collaborazione con Banca Sella ed appartiene al circuito Visa. I titolari, a fine anno, si vedranno accreditare lo 0,2% delle spese fatte con la carta, che ha un plafond base mensile di 800 euro (innalzabile gratuitamente) e da la possibilità di fare acquisti anche a pagamenti rateali e prelievi di contanti con un limite di 300 euro mensili. Il canone annuale è di soli dieci euro e non ci sono costi aggiuntivi per richiedere la sostituzione della carta. Blu American Express risponde con l’1% delle spese rimborsate e un plafond superiore ai 5 mila euro. Ha però spese più alte, sia per il canone, di 30 euro, che per gli interessi applicati agli acquisti rateali.

Powered by WordPress