GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

17 February 2010

Trading sul petrolio, commerciare in oro nero

Categoria: investimenti — Tags: , , , — Andrea @ 10:54

trading-online-petrolioIl trading attraverso le piattaforme internet (trading online) ha portato a conoscenza di milioni di persone le possibilità (e i rischi) di commerciare in materie prime, come oro o altri metalli preziosi. Pochi sanno invece che si può fare trading anche sul petrolio. Il petrolio grezzo è un bene che ha seguito una serie di evoluzioni ed involuzioni molto forti negli ultimi 20-30 anni, ma già solo se si osservano le massime e minime quotazioni degli ultimi 2-3 anni si possono notare differenze altissime: un barile di greggio veniva venduto a 145 dollari nel 2007, mentre solo un anno dopo si poteva (more…)

22 September 2009

Nuovi fondi per il trading online Fineco

Categoria: investimenti — Tags: , , — Roberto @ 16:35

trading-on-lineGrazie all’accordo con la società d’investimento internazionale Threadneedle, controllata dalla Ameriprise Financial, prima conosciuta come American Express Financial Corporation, Banca Fineco aumenta la sua già amplia scelta di Fondi di investimento. I clienti Fineco interessati al trading online potevano già scegliere per il proprio portafoglio titoli più di 3.500 fondi, a cui da questi giorni se ne vanno ad aggiungere altri 45, giudicati dallo staff Fineco particolarmente interessanti. Threadneedle infatti è considerato negli Stati Uniti uno tra i maggiori specialisti nella pianificazione finanziaria e nei sevizi come l’accumulazione di capitale, la gestione del patrimonio e la copertura assicurativa. (more…)

2 September 2009

Tre piattaforme dedicate al trading online da Fineco

Categoria: investimenti — Tags: , , — Roberto @ 19:49

fineco-logo.jpg

Il mercato della investimenti in Borsa è sempre stato seguito con attenzione da parte degli Istituti di credito. E se da sempre i clienti hanno a disposizione dei consulenti per valutare e indirizzare le proprie scelte negli ultimi tempi si è sviluppato anche il settore che incentiva il trading fai da te. Grazie alle possibilità offerte dal web comprare e rivendere azioni e obbligazioni nei maggiori mercati borsistici internazionali è un’operazione che si può fare senza intermediari. Con la sicurezza di avere le quotazioni aggiornate al secondo e di poter effettuare le transazioni in tempo reale, gli investitori più intraprendenti hanno a disposizione uno strumento formidabile per gestire e far fruttare i  propri risparmi. In particolar modo Fineco, la banca retail del gruppo Unicredit, ha potenziato questo settore, mettendo a disposizione dei risparmiatori tre piattaforme per il trading online, che sono Web trading, PowerDesk2 e Mobile Trading. Da casa ma anche tramite il cellulare si possono comprare o vendere azioni, ETF, futures, opzioni, valute, obbligazioni e fondi dei principali mercati mondiali. Si può anche investire nel mercato Forex con le principali valute internazionali. Il sito Fineco – www.fineco.it/trading – offre tutte le informazioni su come aprire un conto per operare sulle piattaforme di trading online.

10 July 2009

Negoziare obbligazioni in best execution con Sella.it

Categoria: investimenti — Tags: , , , — viviana @ 21:59

Nello scorso non abbiamo dimenticato di scrivere su Conto Trader di Banca Sella, uno dei tasselli dell’espansione di questo Istituto di credito sul versante delle transazioni finanziarie online. Banca Sella è percorso la strada dell’home banking con vocazione sin dall’inizio e la messa a punto di piattaforme per il self-trading non è che la continuazione di una via tracciata tanto tempo fa. La novità di questi giorni è che Sella.it ha messo a punto un nuovo strumento che permette di negoziare online obbligazioni e titoli di stato. Il raggio di azione della nuova piattaforma è ampio e coinvolge i principale mercati: Mot (Mercato Telematico Obbligazionario), TLX ed EuroTLX. Il suo punto forte, che la distingue da iniziative analoghe già sul mercato, è la best execution. Cosa vuol dire? he la piattaforma di trading online invia l’ordine sul mercato che offre le condizioni più vantaggiose nell’istante della richiesta. Il confronto è in tempo reale in tutti i mercati di riferimento. Questa sua dinamicità permette di far partire l’investimento veramente con il piede giusto, trovando senza difficoltà le offerte migliori per il prodotto desiderato. Molti altri sono i servizi informativi a disposizione del trader online che si affida a Sella.it: quotazioni, notizie, real time e operativi e la possibilità di inserire ordini condizionati e strategie. Il calcolo delle commissioni è variabile e premia chi negozia con più frequenza con l’addebito di importi nettamente inferiori.

21 April 2009

Da Ing il servizio low cost per il trading online

Ing Direct si riafferma come l’Istituto di credito che più di molti altri investe nella ricerca di soluzioni per servizi ad alta affidabilità ma a basso costo. Negli ultimi giorni ha deciso di estendere la propria azione anche al settore del trading online, lanciando una piattaforma che permette di gestire le transazioni in borsa in una forma semplice ed economica. Ampliare questo tipo di servizi al grande pubblico, rendendoli fruibili attraverso sistemi intuitivi e ricalibrando spese e commissioni, potrebbe rivelarsi un’ottima strategia per creare nuove fette di mercato. Questa particolare offerta di Ing Direct si appoggia a Conto Corrente Arancio ed è costruita con un’operatività intuitiva che rende gli investimenti semplici e chiari; le quotazione, strumenti di monitoraggio e di analisi sono aggiornati in tempo reale 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. E’ così possibile gestire autonomemente i principali strumenti finanziari quotati in Italia (titoli azionari, titoli di Stato, obbligazioni, ETF) ed è possibile impostare un servizio di allerta gratuito tramite sms ed email per ricevere gli aggiornamenti desiderati. Il tutto senza spese di custodia e di attivazione, ne’ spese per accredito di dividendi e cedole.

26 September 2008

Borsa, sulle vendite allo scoperto si cambia

Categoria: investimenti — Tags: , , — Andrea @ 11:19

La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ha sancito la fine delle vendite allo scoperto, che ricordiamo consistono nella cessione di titoli che non sono in possesso del venditore per guadagnare così sul ribasso dei prezzi delle azioni. Il provvedimento arriva in un momento di crisi del mercato globale e vuole essere un freno alla crisi sui mutui di questi ultimi anni, aggravatasi negli ultimi mesi con il crollo del mercato statunitense, di cui si ritengono responsabili in maggior misura proprio operazioni speculative ed azzardate quali appunto le vendite allo scoperto. Se fino ad oggi è stato possibile vendere un titolo senza averne la disponibilità fino al momento della liquidazione, che avviene il terzo giorno dopo l’esecuzione dell’ordine, d’ora in poi per la vendita di azioni di banche e imprese di assicurazioni quotate nei mercati regolamentati italiani l’ordinante dovrà dimostrare la disponibilità dei titoli al momento dell’ordine e fino alla data di regolamento dell’operazione. Le uniche figure professionali operanti in Borsa escluse dal provvedimento sono i market maker, gli specialisti e i liquidità provider. Analoghe decisioni erano state prese già in precedenza dalle commissioni di controllo di Stati Uniti, Gran Bretagna, Irlanda, Germania, Francia, Belgio, Lussemburgo e Olanda.

Powered by WordPress