GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

2 September 2009

Tre piattaforme dedicate al trading online da Fineco

Categoria: investimenti — Tags: , , — Roberto @ 19:49

fineco-logo.jpg

Il mercato della investimenti in Borsa è sempre stato seguito con attenzione da parte degli Istituti di credito. E se da sempre i clienti hanno a disposizione dei consulenti per valutare e indirizzare le proprie scelte negli ultimi tempi si è sviluppato anche il settore che incentiva il trading fai da te. Grazie alle possibilità offerte dal web comprare e rivendere azioni e obbligazioni nei maggiori mercati borsistici internazionali è un’operazione che si può fare senza intermediari. Con la sicurezza di avere le quotazioni aggiornate al secondo e di poter effettuare le transazioni in tempo reale, gli investitori più intraprendenti hanno a disposizione uno strumento formidabile per gestire e far fruttare i  propri risparmi. In particolar modo Fineco, la banca retail del gruppo Unicredit, ha potenziato questo settore, mettendo a disposizione dei risparmiatori tre piattaforme per il trading online, che sono Web trading, PowerDesk2 e Mobile Trading. Da casa ma anche tramite il cellulare si possono comprare o vendere azioni, ETF, futures, opzioni, valute, obbligazioni e fondi dei principali mercati mondiali. Si può anche investire nel mercato Forex con le principali valute internazionali. Il sito Fineco – www.fineco.it/trading – offre tutte le informazioni su come aprire un conto per operare sulle piattaforme di trading online.

10 August 2009

Assicurare l’import-export con ‘cargo defence’

Categoria: Assicurazioni — Tags: , , , — viviana @ 22:57

Per le imprese che tentano la non sempre facile via dell’import-export c’è una nuova garanzia; si chiama “Cargo Defence” ed è un’assicurazione con copertura all risk proposta da Ace European Group Limited in collaborazione con Unicredit Bancassurance. Il mercato internazionale può essere fonte di lauti guadagni per le piccole e medie imprese che hanno il coraggio di impostare il loro assetto per tentare il salto, ma è anche vero che le difficoltà non sono poche e che anche un piccolo rovescio potrebbe minare la stabilità delle aziende. Questa copertura assicurativa studiata da Unicredit si rivolge proprio alle piccole e medie imprese; come dicevamo la copertura è contro tutti i rischi legati al trasporto delle merci. La polizza ha dei costi accessibili, non prevede una franchigia e rimborsa i beni assicurati fino a un milione di euro. Per stipulare una polizza basterà recarsi in uno dei 57 centri estero merci di Uccb, presenti su tutto il territorio nazionale. La polizza è pensata sia per chi fa dell’import-export la sua attività principale sia per le aziende che invece vi si cimentano solo occasionalmente; i preventivi vengono personalizzati in base alle diverse esigenze.  

12 June 2009

Imprendo Export di Unicredit

Categoria: Conti correnti — Tags: , , — Roberto @ 12:03

Unicredit dedica un conto corrente alle imprese che hanno come vocazione commerciale quella degli scambi con l’estero. Si chiama “Imprendo Export” e punta a fornire i servizi necessari per le transazioni import/export ma anche una sorta di tutoraggio per le imprese alle prime armi nel settore. Il conto “Imprendo Export” è in promozione con un canone fisso di 32 euro al mese per le aziende che lo sottoscrivono entro il prossimo 31 luglio 2009. Il costo non in promozione è di 40 euro al mese bloccato fino al 30 gennaio 2010. Nel canone rientrano tutti i servizi classici di un conto business con in più dei servizi specifici di ausilio alle aziende come il servizio di ricerca delle possibili controparti, la traduzione delle lettere di referenze di contatto con altre aziende e dei servizi di ricerca per verificare la solidità commerciale dell’azienda straniera che si sceglie come partner. Sono comprese nel conto anche la carta bancomat internazionale e la carta di credito Business, nonché tutti i servizi del banking online. Per i nuovi clienti Unicredit il conto corrente “Imprendo Export“ sarà gratuito per i primi sei mesi e comprenderà nel canone mensile anche un altro conto corrente personale, della gamma “Genius First”, per due anni. Infine, le aziende che scelgono di installare il terminale POS per i pagamenti con carta di credito otterranno un ulteriore sconto sul canone mensile, l’installazione gratuita del terminale e delle commissioni di spesa agevolate.

9 June 2009

Prestiti agevolati per le imprese del turismo

I primi dati di quest’anno sono molto allarmanti. Sembra che la crisi abbia investito in pieno anche l’economia del turismo, con un ridimensionamento sia del numero dei vacanzieri che del budget pro-capite a disposizione. Per questo le banche italiane e il Governo hanno messo a punto un sistema di agevolazioni proprio per le piccole e medie imprese che lavorano nel settore turistico. Uno dei primi interventi mirati, questo, dopo che le agevolazioni erano piovute indistintamente su tutte le piccole aziende, una delle categorie più fortemente colpita dal cattivo andamento dell’economia. 1,6 miliardi di euro è la somma che le banche metteranno a disposizione delle Pmi del turismo; l’accesso al credito sarà semplificato e i finanziamenti verranno erogati a un tasso agevolato. L’iniziativa fa parte del “Pacchetto Italia Turismo”, concordato tra Governo, banche ed associazioni di categoria. Tra gli istituti di credito che hanno aderito ci sono Unicredit, Intesa Sanpaolo, Banco Popolare, Banca Popolare di Milano e Banca Popolare di Sondrio; l’impegno è di mettere a disposizione prestiti agevolati mirati alla ristrutturazione, promozione, innovazione e riqualificazione sia delle strutture ricettive, sia delle imprese all’aria aperta come i villaggi ed i camping.

29 May 2009

E’ morta la commissione di massimo scoperto! Viva la commissione di massimo scoperto!

Abbiamo dato notizia qualche mese fa dell’adeguamento delle maggiori banche italiane al protocollo d’intesa che prevedeva l’abolizione della commissione di massimo scoperto, perché ritenuta una spesa indebita da applicare. L’acquiescenza con cui le banche si sono allineate ai dettami dell’Autorità garante della concorrenza era sembrata fin troppa, tanto da indurre l’associazione dei consumatori Altroconsumo a non abbassare la guardia su una battaglia che sembrava vinta. E non a torto purtroppo; da una minuziosa inchiesta condotta nelle principali banche è risultato che se è vero che formalmente non esiste più una commissione di massimo scoperto le banche hanno inserito altra voci di spesa per sanzionare lo scoperto di conto corrente, che in alcuni casi si rivelano ancora più onerosi della precedente commissione. Ad esempio Intesa Sanpaolo ha introdotto la “Commissione per scoperto di conto”, Unicredit quella per il “Recupero spese per ogni sospeso”, Monte dei Paschi di Siena ha tirato fuori dal cilindro una “Commissione per istruttoria urgente”, mentre Banca Sella la chiama “”Onere per passaggio a debito nel trimestre”, per finire Bnl Bnp Paribas ha istituito ad oc una “Commissione manca fondi”. Un premio alla fantasia va certamente tributato allo staff dirigente delle banche, meno degna di lode invece è la scorrettezza con la quale si sta cercando di continuare ad aggirare indicazioni chiare a favore dei clienti.

26 May 2009

Unicredit ancora dalla parte di piccole e medie imprese

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , — viviana @ 16:04

Già ad Aprile il gruppo Unicredit era stato tra i primi a varare delle misure di sostegno alle piccole e medie imprese in difficoltà, permettendo loro di sospendere temporaneamente il pagamento delle rate dei prestiti in essere. Ora a completare il quadro arrivano nuove misure per la concessione di ulteriore credito agevolato. Una fase B insomma, dopo aver ripreso fiato è ora per il tessuto economico di riprendere l’espansione, investendo nuove somme nella produttività e innovazione a cominciare da quelle che presenti sui mercati esteri in attesa che il Prodotto interno lordo italiano torni a salire. Il programma di iniziative si chiama Progetto Impresa Italia, di SACE e UniCredit Corporate Banking, e ha stanziato 500 milioni di nuovi fondi per le Pmi italiane all’estero. Questo significa che i prestiti agevolato potranno essere richiesti solo per progetti di internazionalizzazione o di approntamento di forniture per l’estero. Gli importi finanziabili potranno oscillare tra i 100mila euro a 2,5 milioni e potranno essere erogati su base triennale, quinquennale e settennale; su questi finanziamenti le piccole e medie imprese, con i requisiti di cui dicevamo, potranno ottenere anche del 70% di agevolazioni sulla somma richiesta.

21 April 2009

Prestiti per giovani Unicredit

Sono due le nuove tipologie di prestito studiate da Unicredit per i giovani. Una fascia di mercato con esigenze specifiche che hanno spesso bisogno di essere finanziate a condizioni particolari. CreditExpress Giovani permette di avere accesso a un credito veloce e facile, fino a 5.000 euro, rimborsabile da sei a trentasei mesi ad un tasso fisso agevolato. Non ci sono spese di istruttoria la quale, una volta approvata, permetterà l’accredito immediato della cifra richiesta sullo stesso conto da cui poi saranno decurtate le rate mensili di rimborso. Il prestito può essere richiesto in qualsiasi agenzia del gruppo Unicredit presentando l’apposito modulo correlato dei documenti di identificazione personale e delle garanzie di reddito necessarie. Se il richiedente è minorenne si dovrà presentare accompagnato dai genitori o dal tutore legale. Una variazione di questa formula è rappresentata da CreditExpress Dynamic Online, la cui richiesta avviene online e che si caratterizza per l’estrema flessibilità del piano di rimborso permesso dall’opzione del “cambio rata”, per diminuire la rata e aumentare il tempo di rimborso, del “salto rata” per saltare un mese (possibile solo una volta all’anno). Gli importi richiedibili vanno dai 3.000 ai 15.000, ma dopo due anni di rate correttamente pagate e possibile avere ulteriore liquidità.

Unicredit Genius First

Categoria: Conti correnti — Tags: , , — Roberto @ 12:33

Un conto corrente di nuova generazione dedicato a chi chiede alla propria banca piena libertà nell’utilizzo dei propri soldi, soprattutto tramite le nuove tecnologie. Appartenente alla tipologia dei conti “all inclusive”, Unicredit Genius First si propone con un costo mensile fisso comprensivo di tutti i servizi e con operazioni illimitate, e non è nemmeno esoso: 12 euro. Un’offerta garantita nel tempo che resta bloccata fino al 2010. Sono inoltre inclusi servizi extrabancari come l’Adsl Alice Free di Telecom Italia, telepass Family gratuito, assicurazioni auto a prezzo scontato, assistenza stradale gratuita in Italia, sconti su viaggi, ristoranti, musei, parchi naturali e di divertimento, sconto sulle tariffe dei centri benessere in Italia. In promozione fino al 2010 la possibilità di averlo a costo zero per chi versa  somme superiori ai 25.000. Tra gli strumenti di pagamento Genius First mette a disposizione 2 carte di credito gold con un massimale di spesa fino a 10.000 euro e comunque personalizzabile in base alle esigenze di ognuno. La gestione della carta permette di ricevere un sms di avviso ogniqualvolta si effettua un pagamento, indicando gli estremi della spesa e il saldo residuo. Altro utilissimo servizio è un Deposito Titoli gratuito collegato al conto con la possibilità di usufruire di uno sconto del 30% sulle commissioni di negoziazione per operazioni di compravendita titoli disposte in Agenzia.

5 April 2009

Agevolazioni Unicredit per piccole e medie imprese

Categoria: Finanziamenti — Tags: , , — viviana @ 22:45

Si moltiplicano le misure in favore dell’economia e in particolare per il sostegno al credito degli attori economici maggiormente colpiti dalla crisi. Dopo i provvedimenti indirizzati a singoli e famiglie che attraversano un momento difficile a causa della crisi economica alcuni istituti di credito hanno spostato le agevolazioni alle piccole e medie imprese. Scelta doverosa se si considera che le pmi sono il nerbo del tessuto dell’economia italiana e che sono un importante fattore capace di influenzare l’occupazione e la produzione di ricchezza reale. Unicredit Banca ha deciso che sarà possibile richiedere alle piccol e medie imprese in difficoltà la sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei prestiti in essere per un periodo di 12 mesi. Un anno non è tantissimo ma può essere un periodo sifficiente per riprendere fiato e riequilibrare la situazione patrimoniale. L’iniziativa è indirizzata alle imprese clienti della banca corporate di UniCredit che hanno un fatturato annuo inferiore ai 50 milioni di euro e che abbiamo fatto ricorso alla cassa integrazione ordinaria per i propri dipendenti. Le rate dovranno avere come ammontare massimo il valore di 500mila euro in linea capitale e potranno essere posticipate, ed essere pagate, al termine del piano d’ammortamento.

31 March 2009

Una carta di credito che fa beneficenza

Categoria: Carte di credito — Tags: , , — Roberto @ 22:35

La finanza e il circuito del credito non sempre sono considerate “etiche” e questo crea problemi a molti che pur non potendo per ovvi motivi restarne fuori non vivono con tranquillità la situazione. Per questo sempre più nascono linee di prodotti, banche, fondi di investimento dichiaratamente etiche che si impegnano a non utilizzare i soldi investiti o depositati per fini considerati contrari ad alcuni principi morali, come ad esempio il commercio di armi, oppure a devolvere parte delle commissioni in beneficenza. Quest’ultimo caso è quello della nuova carta di credito di base di Unicredit chiamata “UniCreditCard Classic E”, che permette di devolvere il 3 per mille di ogni operazione in beneficenza, senza costi ulteriori per il titolare e con tutti i vantaggi delle carte di credito tradizionali, la carta infatti può essere utilizzata sia in Italia che all’estero. E’ possibile anche richiedere una carta “familiare” che può essere utilizzata da un cointestatario anche se non ha reddito proprio. Unicredit fornisce con la carta anche una una polizza assicurativa gratuita i vari rischi legati all’utilizzo della carta.

« Newer PostsOlder Posts »

Powered by WordPress