GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

15 October 2009

Risparmiare sul costo dei voli? Attenzione agli extra!

Categoria: Risparmio — Tags: , , , , — Riccardo @ 16:33

last minuteOrmai viaggiare low cost è la regola per i turisti attenti a cui non pesa rinunciare a qualche comfort. Tuttavia, come spesso accade alle superofferte di internet, non è tutto oro quello che luccica: cominciamo parlando di tasse aeroportuali, che tra andata e ritorno superano, a volte di moltissimo, il costo dello stesso biglietto; quindi se prenotate il vostro viaggio per Londra ad 1 euro, al momento dell’acquisto vi troverete altri 30/50 euro di spese. Alcune compagnie poi speculano sul postl a sedere, se lo volete vicino al finestrino o al corridoio, se volete stare vicino a vostra moglie o anche vicino alla toilette. Sempre parlando di toilette, alcuni mesi fa c’erano stati dei rumors circa la possibile decisione di Ryanair di far pagare l’entrata in toilette, ma al momento non se ne sa ancora nulla. Il bagaglio è un’altra incognita, verificate a casa il peso e le dimensioni del vostro trolley prima di fare il check-in perché se supera certi standard il sovrapprezzo da pagare è piuttosto salato; dopodiché pesate e misurate anche… voi stessi! Alcune compagnie, sembra incredibile, fanno acquistare doppio biglietto nel caso il passeggero non riesca ad allacciarsi la cintura di sicurezza.
E’ risaputo che compagnie come Virgin o Ryanair guadagnano un quarto dei loro proventi dalla vendita di osceni prodotti da vucumprà, che propongono fastidiosamente sia passando col carrello tra i passeggeri sia urlando le offerte negli altoparlanti, svegliando quei pochi che riescono a trovare una posizione comoda negli angustissimi posti disponibili (per risparmiare posto ovvio, ma per brevi tratte diciamo che la cosa è sopportabile); ma anche se non siete interessati all’acquisto di questi prodotti, l’ambiente secco della cabina ad un certo punto potrà farvi venir sete, ed ecco che ci troviamo a spendere per un bicchier d’acqua l’equivalente del costo del biglietto! Consigliatissimo per chi viaggia in economia, dunque, bottiglietta d’acqua e qualche snack.
Da evitare, infine, le date festive e weekend perché i costi dei biglietti sono tutt’altro che “low”; i prezzi civetta a pochi euro riguardano perlopiù giorni della settimana con orari pessimi, ma il vero viaggiatore low cost è preparato anche a questo!


Ultimi articoli nella stessa categoria:
Investire sicuro: meglio i fondi o il fai da te?
Fare investimenti sicuri nelle banche oggi non è un mestiere facile. Il settore è sotto schiaffo da oltre tre anni. Certo, le modifiche sulle stime ...continua
Acconto, contratto e reclami: la mappa delle tutele
L'early booking conviene, ma attenzione alla prenotazione d'impulso: occorre tenere presenti regole e diritti, leggendo bene anche le condizioni riportate ...continua
Vacanze scontate se si prenota prima
Macché last minute. La formula magica per ottenere il massimo da un viaggio spendendo il minimo è l'antitesi della prenotazione dell'ultimo momento: ...continua
Ebay trascina l'e-commerce in Italia, tutti gli acquisti al risparmio
La crisi economica attanaglia le famiglie italiane? I consumi crollano e il risparmio non aumenta? Indubbiamente questi segnali sono legati ad una minor ...continua

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

Powered by WordPress