GuidaEconomica.it utilizza cookies propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie
chiudi - leggi informativa

5 October 2009

Incentivi in arrivo per l’acquisto di biciclette

Categoria: Risparmio — Tags: , , — Riccardo @ 12:01

bici_incentiviCon la qualità dell’aria in peggioramento nelle nostre città, il governo ha pensato di smuovere il mercato delle due ruote a pedali con un sistema di incentivi molto interessante. Promuovere e sostenere il trasporto personale senza l’utilizzo di mezzi a motore va incontro sia alla problematica dell’inquinamento che dell’aumento del costo della benzina!
Il piano prevede la realizzazione di piste ciclabili, sistemi di trasporto di lunga distanza su autobus e treni, sistemi di condivisione bici già sperimentati con successo in alcune capitali europee. Ma la parte più succulenta riguarda senz’altro gli incentivi per l’acquisto di una bici a pedali o ibrida; i fondi non sono certo illimitati, ma sicuramente decine di migliaia di potenziali eco-viaggiatori potranno acquistare una bici a prezzi irripetibili grazie a questa iniziativa del ministero dell’ambiente. Per cui il consiglio è di contattare subito un rivenditore ed avviare la pratica per l’acquisto con incentivo!
L’iniziativa si colloca in contesto europeo in riferimento alla Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile, i dettagli si trovano sul sito della commissione europea http://ec.europa.eu/news/environment/090917_it.htm

27 May 2009

Bike sharing, una scommessa per il futuro

Categoria: Risparmio — Tags: , — Roberto @ 12:30

Il prezzo dei carburanti lievita a dismisura? Smettiamo di usare le macchine… Una provocazione, naturalmente, ma con il suo fondo di verità. Almeno per il popolo della bicicletta, che negli ultimi anni si è visibilmente ingrossato. Una realtà comune a molti nel centro-nord, dove gli spostamenti in bicicletta in città sono sempre stati una valida alternativa a mezzi pubblici e scooter, ora si sta diffondendo anche nel resto della penisola, grazie anche a un movimento ecologista attento al bisogno di fare scelte alternative che possano cambiare il nostro stile dei consumi. Questo diffuso interesse per gli spostamenti è stato raccolto dalle due più grandi città d’Italia, Roma e Milano, che si sono volute allineare alle grandi capitali europee offrendo un servizio di bike sharing in postazioni fisse della città. Come funziona? Facendo una tessera dal costo annuale molto basso, intorno ai 20 euro, è possibile usufruire del servizio bici per un tempo limitato, di solito un’ora, senza costi aggiuntivi. Questo permette di usare la bici per i brevi tragitti ma anche per quelli più lunghi, facendo pause o cambiando bicicletta in una delle stazioni ufficiali ed avere così un’altra ora di tempo. Un primo passo volto a diffondere la cultura della due ruote a pedali tra la popolazione a cui si affiancano la riqualificazione e costruzione di nuove piste ciclabili, per rendere l’utilizzo del mezzo più sicuro e rilassante.

Powered by WordPress